giovedì, Maggio 30, 2024

CONFERENZA ESRI ITALIA 2024: IL NOSTRO FUTURO TRA INTELLIGENZA ARTIFICIALE E AMBIENTE

Quest’anno in Plenaria avremo importanti temi: AI nel mondo della georeferenziazione e l’ ambiente, entrambi supportati da speech di particolare rilievo. Parto dallo speech di Mathis Wakernagel, padre del calcolo dell’importante indicatore ambientale che tutti conosciamo come Impronta Ecologica. Ho avuto il piacere di conoscere Mathis venti anni fa in una maniera molto buffa: un carissimo amico di Greenaccord mi chiede di passare a prendere un relatore che stava a Milano, dal cognome un pò ostico per un italiano, e dargli un passaggio in auto fino a Rapolano (bellissima località vicino a Siena): informo mia moglie della cosa, omettendo il cognome sia perché non me lo ricordavo sia perché non ho dato grande peso a quel passaggio. Mia moglie mi dice che qualsiasi cosa avessi dovuto fare avrei dovuto aspettare perché lei avrebbe dovuto partecipare ad una importante conferenza e  doveva parlare con un relatore di fama internazionale che raramente veniva in Italia. Fortunatamente quel relatore era Mathis: così, grazie alla mia incommensurabile fortuna (avrei potuto usare un altro termine ma non è elegante), ho fatto un piacevole viaggio di 3 ore con lui e mia moglie avendo coscienza di quello che Mathis aveva studiato ed elaborato, e ho capito il valore dell’Impronta Ecologica.

Altro tema è quello dell’intelligenza artificiale. Abbiamo scelto un relatore, Damiano Cerrone, che abbiamo già incrociato nel 2016 nella nostra conferenza, e che all’epoca era un giovanissimo architetto che già dimostrava il suo talento. Seguendo il suo percorso tramite i social ho incrociato la sua nuova avventura, UrbanistAI, dove incrocia il Generative Design con l’Urbanistica: geniale! Come non invitarlo alla nostra conferenza e capire con lui le possibili evoluzioni dell’Intelligenza Artificiale applicata all’Urbanistica?

L’anno scorso abbiamo combinato e azzardato con lo storico dell’arte Claudio Strinati un legame tra Barocco e Metaverso: nel 2024 Ambiente e AI. Le nostre plenarie devono aiutare ad aprire le menti e comprendere il futuro oltre alle tecnologie.

Ultimi articoli