venerdì, Giugno 14, 2024

RISPOSTA ALL’URAGANO ‘IAN’: LEZIONI DI RICERCA E SOCCORSO E L’IMPORTANZA DELLE MAPPE

Dopo che l’uragano Ian ha travolto la Florida a settembre, i primi soccorritori, la Guardia Costiera degli Stati Uniti, la Guardia Nazionale e le squadre di ricerca e salvataggio urbano (US&R) si sono precipitati, andando di porta in porta per salvare e assistere più di 2.500 persone. La tempesta di categoria 4 ha ridotto in macerie molte città sulla spiaggia e l’ondata di maltempo ha inondato ampie zone dello Stato.

Migliaia di persone che vivevano a bordo di barche hanno rappresentato una preoccupazione iniziale, perché l’ondata di tempesta ha coinciso con la massima marea di quel mese e centinaia di barche sono state spinte in profondità nelle mangrovie.

La Task Force 4 della Florida si è concentrata sui grandi liveaboard, dagli yacht da un miliardo di dollari alle barche per gamberi, conducendo centinaia di ricerche in luoghi difficili da raggiungere. Il team ha utilizzato le immagini aeree post-impatto per rilasciare waypoint che indicavano le imbarcazioni successive da cercare e hanno trasmesso una mappa in tempo reale alle squadre che si sono distribuite in barca e si sono addentrate nei boschetti di mangrovie.

Leggi dal sito Esri

Ultimi articoli