sabato, Febbraio 24, 2024

NELLO SPAZIO, OGNUNO FA IL SUO GIOCO

The Science of Where Magazine incontra Pavel Luzin, ricercatore in politica estera della Russia, difesa, relazioni internazionali e sicurezza globale. Collabora con The Riddle (the Intersection Foundation, Lithuania) e con Jamestown Foundation (USA). Pavel è anche editorialista per alcuni giornali russi come The Moscow Times, RBC e Vedomosti.

Ha pubblicato Russian-Chinese Cooperation in Space (The Jamestown Foundation).

> English Version

Cosa significa la cooperazione russo-cinese nello spazio in termini di investimenti in nuove tecnologie?

La cooperazione russo-cinese nello spazio è iniziata nel 1992. Per molti anni, la Russia è stata un donatore del programma spaziale cinese, soprattutto nelle tecnologie dei voli con equipaggio in orbita terrestre bassa e nei motori a razzo. Quindi, la Cina ha ottenuto le tecnologie necessarie e l’industria spaziale russa ha ottenuto dei soldi negli anni ’90. Il successivo tentativo di partnership bilaterale era legato alla sonda russa Fobos-Grunt. Questa sonda aveva lo scopo di raggiungere Phobos, la luna di Marte, e anche di trasportare il piccolo orbiter cinese Yinghuo-1 su Marte. Ma la sonda è andata perduta subito dopo il lancio nel 2011 e la Cina è diventata scettica riguardo all’affidamento sulla Russia nell’attività spaziale. Tuttavia, a causa delle sanzioni occidentali che sono state imposte dal 2014, la Russia si è interessata alle relazioni con la Cina sia in senso politico (per dimostrare che il confronto con l’Occidente non reca alcun danno e per fare una pressione diplomatica sugli Stati Uniti e sull’ Europa attraverso la minaccia dell’alleanza spaziale Russia-Cina) che in senso tecnico (la Russia ha bisogno di accedere all’elettronica spaziale che non è in grado di produrre da sola). In questo modo, Mosca è diventata molto più attiva nella cooperazione spaziale con Pechino. Tuttavia, c’è ancora una mancanza di fiducia tra i due Paesi: la Cina non vuole dipendere dalla Russia nell’attività spaziale e oggi non ci sono progressi tecnologici russi a cui la Cina sia interessata e la Russia, a sua volta, non è soddisfatta della qualità dell’elettronica spaziale che la Cina è pronta a fornire. Mentre Russia e Cina sviluppano le loro missioni spaziali in modo indipendente, non ci sono progetti comuni nell’industria spaziale. Quindi, i memorandum bilaterali non significano investimenti comuni in nuove tecnologie spaziali.

Russia e Cina rappresentano davvero un fronte comune e unito rispetto all’esplorazione spaziale?

In realtà no. La Russia usa le relazioni spaziali con la Cina cercando di contrattare con l’Occidente per prolungare il partenariato spaziale dopo l’era della Stazione Spaziale Internazionale e per estendere l’agenda del controllo degli armamenti nello spazio (intendo la bozza del Trattato sulla prevenzione del posizionamento delle armi nello spazio esterno, la minaccia o l’uso della forza contro oggetti dello spazio esterno, noto anche come PPWT) e così via. A sua volta, la Cina utilizza la cooperazione spaziale con la Russia per espandere il suo ruolo di potenza spaziale globale nonché per impedire la riunificazione della Russia con l’Occidente nella strategia di scoraggiare la Cina stessa. Quindi, la cooperazione spaziale è utilizzata da entrambe le parti come strumento diplomatico nel contesto più ampio delle loro politiche estere.

Qual è l’importanza della cooperazione Russia-Cina in termini di nuovo ordine globale? In che modo questa cooperazione influisce sulle relazioni tra Russia, Cina, Stati Uniti ed Europa?

Non sappiamo ancora quale sarà il nuovo ordine globale. L’Occidente fa il suo gioco, così come la Cina e la Russia. Preferisco dire che oggi c’è un alto livello di incertezza globale e di turbolenza. Il risultato dipenderà da molti fattori: a) se gli Stati Uniti e i suoi partner – Europa, Canada e Giappone – saranno in grado di realizzare i loro piani comuni verso il programma Moon; b) se l’Occidente sarà in grado di coinvolgere più partner in questo programma; c) se la Cina sarà in grado di realizzare tutti i suoi piani nello spazio e di creare il proprio partenariato spaziale multilaterale (coalizione spaziale); d) se la Russia sarà in grado di realizzare i suoi piani; e) cosa accadrà, nei prossimi anni, in politica interna sia in Cina che in Russia. Inoltre, ci sono molti altri fattori politici, economici, tecnologici e di sicurezza. Inoltre, non c’è ancora il fronte Russia-Cina. L’interesse essenziale della Russia è mantenere il suo ruolo di grande potenza indipendente e mantenere la sua partnership con l’Occidente secondo il principio di interdipendenza.

 

Ultimi articoli