lunedì, Giugno 27, 2022

UCRAINA ? LA PACE E’ DIFFICILE MA NON SI PERDA LA SPERANZA. In dialogo con Sam J. Tangredi (US Naval War College)

The Science of Where Magazine meets Prof. Sam J. Tangredi

Professor Tangredi was appointed as the Leidos Chair of Future Warfare Studies in March 2019 and since May 2017, has served as the director of the Institute for Future Warfare Studies. He initially joined the Naval War College as a professor of national, naval and maritime strategy in the Strategic and Operational Research Department, Center for Naval Warfare Studies in October 2016. He has published five books, over 150 journal articles and book chapters, and numerous reports for government and academic organizations. He is a retired Navy captain and surface warfare officer specializing in naval strategy. He held command at sea and directed several strategic planning organizations.

His remarks do not necessarily reflect the views of the U.S. Naval War College or any other agency of the U.S. government and those of The Science of Where Magazine 

ENGLISH VERSION

– At what point are we in the war? Perhaps the world has placed too many hopes on the meeting in Antalya. What prospects do you see? 

In my view, Ukraine is fighting for all the West.  It may seem like a provocation but Putin fancies himself as Stalin–which is why the cult of Stalin is being revived in Russia.  But his actions are that of a Hitler.  Hitler claimed to be retrieving German lands.  Putin wants to reassemble the Soviet Union–he states it.  Donbas was his Sudetenland.  A Russian speaking population was encouraged as was the German-speaking population in Sudetenland to revolt against the Ukranian/Czechoslovak government, giving him an excuse to intervene to ‘protect’ nationals.  It is a matter of time that Donbas becomes a “republic in the Russian Federation.”  The rest of Ukraine is similar to Czechoslovakia in 1939.  Putin is denying that Ukraine is a nation.

How do the Ukrainians negotiate in this situation?  Putin has made his demands: Ukraine changes its constitution to be “non-aligned.”  Zelenskyy replaced by an authoritarian government–and probably executed.  Perhaps part (or all of Ukraine) incorporated into Russia and the remainder in Belarus status.  Moldova is next.

How can the meeting in Antalya achieve anything?  It is negotiations at the point of a spear.  Like at Grozny in the Chechen war, if the Ukrainians continue to thwart him, he will mass artillery and blow their cities apart block by block.  Negotiations with Putin are a farce.  Basically, what is his negotiations are about: getting his demands and he won’t start a nuclear war.

This website, which is a satire, sums up negotiations:  https://www.duffelblog.com/p/putin-invites-zelenskyy-to-discuss

 

By W.E. Linde. MOSCOW — Russian President Vladimir Putin today offered an unexpected olive branch to his Ukrainian counterpart, President Volodymyr Zelenskyy, by inviting him to meet for peace talks “and to drink some very delicious tea.

 

We are (rightly) afraid of a nuclear war between Russia and NATO.  Hence NATO is essential paralyzed as far as direct involvement.  I think it could establish a Zone of Peace in Western Ukraine where Russians have not penetrated–but which is being bombed since yesterday–without a nuclear war.  But it would need to be handled well.  Constant control of the narrative: “these are peacekeepers; we are not here to engage Russian forces, only to protect the Ukranian people”–of which 2.5 million are now refugees in NATO nations.     

Sanctions mean little to Putin personally.  Perhaps they will encourage the oligarchs (now the managers of state enterprises) to oust Putin.  But he has the security services under his control.  The Russian people will suffer much.  Will they blame Putin or blame the West?  Depends how frightened they are.

The ongoing war is also a cyber war. Cyber attacks are multiplying and disinformation is growing. How to build a realistic narrative about what’s going on?

Concerning cyber war, my colleagues and myself wonder why he has not started launching cyberattacks in quantity against the West.  Thus far, he it appears he has held back.  The Financial Time of 9 March  suggests it is because the West prepared against cyberattacks and help prepare Ukraine too.  Maybe US CYBERCOM and its counterparts in the other NATO nations are more effective than any of us really realize.  Perhaps they are already inside the Russian networks and the Russian military knows the cyber counter-attack will devastate them too.  We can only speculate.

As far as the narrative, the Russian attempt to capture the narrative is absurd.  Now they claim that the U.S. is sending birds and bats infected with biological weapons against Russia.  The Russian orthodox patriarch (which makes me sad since my grandparents were Russian orthodox) says that the U.S. invades any nation that refuses to hold a gay pride parade.  They claim that picture of the bombing of civilian targets is all fake and it is done by Ukrainians.  Of course, there will be conspiracy theorists and moral relativists who will believe that.  Good thing they are small in number (I hope).     

Diplomacy is at work. Each player engaged in mediation has their own interests to safeguard. What will be the possible point of mediation, if any, and by whom?

Diplomacy in this situation is an illusion.  Putin is offering nothing to the Ukrainians except life if they accede to his demands.  It is like negotiating with the Nazi or Stalinist regimes.  Mediation can only be similar to Britain and France “mediating” the crisis in Czechoslovakia.  Didn’t work out too well for the Czechs or Slovaks.  Putin is bringing in Syrian fighters–doesn’t that indicate something?  The Wagner Group–whose mercenaries he has relied on in Syria and Libya–admit that their company (actually, a loose confederation of mercenary groups) is named for “Hitler’s favorite composer.”  This is power gone mad.  Mediation will doom the Ukrainians to political servitude…if it does anything at all.

Of course, what is being “mediated” by outside parties is: we will not militarily intervene, please don’t start a nuclear war.

We would like your opinion on the two crises which, in the immediate and medium-long term future, will have to be at the center of the global agenda. How should the ongoing dramatic humanitarian crisis (destined to worsen) be managed ? And, finally, how will the security framework change in the West and in the relationship between allies?

The humanitarian crisis is one reason I am advocating a Zone of Peace in Western Ukraine.  Optimally it would be led by non-European nations under the authority of the UN General Assembly.  But that is too slow to organize.  Russia will get there first.  My next choice would be the EU Defence Force of which France is the leading proponent.  Might include NATO nations, but does not include the name NATO nor the U.S. which Putin hates most of all.  If not, NATO has to establish the Zone, preferably without U.S. forces as the leading edge.  Again, it’s not to fight Russians where they are now.  It is to draw the line.  If Putin wants to fight Europe, it is his choice.  I think he will back down.  NATO has nuclear weapons.  Ukraine does not.  It is not a treaty ally in NATO.  He faces two very different situations.  One would mean his destruction.  The other–if a loss–is an inconvenience that he may survive to use as a Russian grievance for the next round.

Putin has done exactly what he supposedly feared: he has revived NATO in a way no other threat could.  (Of course, he can use the “NATO threat” as an excuse to keep power, so maybe that was part of his sort-of-plan.)  For a number of years after 1991, we debated about the future of NATO–was it needed in a peaceful Europe?  Some NATO nations supported intervention in Bosnia and participated.  Some did not.  Some supported and participated in Afghanistan.  Some did not.  All see the threat from Putin.  I do not refer to Russia as a threat–the threat is Putin.  Without Putin there is somewhat of a chance the Russia could be a quasi-democracy that probably would not be invading its neighbors.

Putin has started the Second Cold War.

The question is whether the Chinese Communist Party (they are the threat not “China”) will continue to support him and make it a global Cold War.

The world has changed.  You and I will look back at the 1990s as if it were paradise.

ITALIAN VERSION

The Science of Where Magazine incontra il Prof. Sam J Tangredi

Le sue opinioni non riflettono necessariamente le posizioni di U.S. Naval War College, di altre agenzie del governo americano e di The Science of Where Magazine 

A che punto siamo nella guerra in Ucraina ? Forse il mondo ha riposto troppe speranze nell’incontro di Antalya. Quali prospettive vedi?

A mio avviso, l’Ucraina sta combattendo per tutto l’Occidente. So che può apparire come una provocazione ma Putin si immagina come Stalin, motivo per cui il culto di Stalin viene rianimato in Russia. Ma le sue azioni sono quelle di un Hitler. Hitler affermò di recuperare terre tedesche. Putin vuole ricomporre l’Unione Sovietica, lo afferma. Il Donbas è come i Sudeti. Una popolazione di lingua russa è stata incoraggiata, così come la popolazione di lingua tedesca nei Sudeti, a ribellarsi contro il governo ucraino / cecoslovacco, dandogli una scusa per intervenire per “proteggere” i cittadini. È questione di tempo che il Donbas diventi una “repubblica nella Federazione Russa”. Il resto dell’Ucraina è simile alla Cecoslovacchia nel 1939. Putin nega che l’Ucraina sia una nazione. Come possono negoziare gli ucraini in questa situazione? Putin ha avanzato le sue richieste: l’Ucraina cambi la sua costituzione per essere “non allineata”. Zelenskyy sia sostituito da un governo autoritario e probabilmente giustiziato. Forse parte (o tutta l’Ucraina) sia incorporata nella Russia e il resto nello stato della Bielorussia. La Moldavia è la prossima.

Come poteva scaturire qualcosa dall’ incontro di Antalya ottenere qualcosa? Sono trattative puntate su una lancia. Come a Grozny durante la guerra cecena, se gli ucraini continuano a contrastarlo,Putin massacrerà l’artiglieria e farà saltare in aria le loro città blocco dopo blocco. I negoziati con Putin sono una farsa. Di cosa trattano i suoi negoziati ? Ottenere le sue richieste e non inizierà una guerra nucleare.

Questo sito di satira riassume i negoziati:  https://www.duffelblog.com/p/putin-invites-zelenskyy-to-discuss

By W.E. Linde. MOSCOW — Russian President Vladimir Putin today offered an unexpected olive branch to his Ukrainian counterpart, President Volodymyr Zelenskyy, by inviting him to meet for peace talks “and to drink some very delicious tea.

 

Abbiamo (giustamente) paura di una guerra nucleare tra Russia e NATO. Quindi la NATO è essenzialmente paralizzata per quanto riguarda il coinvolgimento diretto. Penso che potrebbe stabilire una zona di pace nell’Ucraina occidentale dove i russi non sono penetrati, ma che è stata bombardata da ieri, senza una guerra nucleare. Ma dovrebbe essere gestito bene. Controllo costante della narrazione: “queste sono le forze di pace; non siamo qui per ingaggiare le forze russe, solo per proteggere il popolo ucraino” – di cui 2,5 milioni sono ora rifugiati nelle nazioni della NATO. Le sanzioni significano poco per Putin personalmente. Forse incoraggeranno gli oligarchi (ora i gestori delle imprese statali) a cacciare Putin. Ma Putin ha i servizi di sicurezza sotto il suo controllo. Il popolo russo soffrirà molto. Daranno la colpa a Putin o all’Occidente? Dipende da quanto sono spaventati.

La guerra in corso è anche una guerra informatica. Gli attacchi informatici si moltiplicano e la disinformazione cresce. Come costruire una narrazione realistica su cosa sta succedendo?

Per quanto riguarda la guerra informatica, io e i miei colleghi ci chiediamo perché Putin non abbia iniziato a lanciare massicci attacchi informatici contro l’Occidente. Finora, sembra che si sia trattenuto. Il Financial Time del 9 marzo suggeriva che è perché l’Occidente si è preparato contro gli attacchi informatici e ha contribuito a preparare anche l’Ucraina. Forse il CYBERCOM statunitense e le sue controparti nelle altre nazioni della NATO sono più efficaci di quanto chiunque di noi pensi. Forse sono già penetrati all’interno delle reti russe e l’esercito russo sa che il contrattacco informatico devasterà anche loro. Possiamo solo ipotizzare. Per quanto riguarda la narrazione, il tentativo russo di catturare la narrazione è assurdo. Ora affermano che gli Stati Uniti stanno inviando uccelli e pipistrelli infettati con armi biologiche contro la Russia. Il patriarca ortodosso russo (che mi rattrista dal momento che i miei nonni erano russi ortodossi) dice che gli Stati Uniti invadono qualsiasi nazione che si rifiuta di tenere una parata del gay pride. Affermano che l’immagine del bombardamento di obiettivi civili è tutta falsa ed è fatta da ucraini. Naturalmente, ci saranno teorici della cospirazione e relativisti morali che lo crederanno. Meno male che sono pochi di numero (spero).

La diplomazia è al lavoro. Ogni attore impegnato nella mediazione ha i propri interessi da salvaguardare. Quale sarà il possibile punto di mediazione, se esiste, e da parte di chi?

La diplomazia in questa situazione è una illusione. Putin non offre nulla agli ucraini se non la vita se acconsentono alle sue richieste. È come negoziare con i regimi nazista o staliniano. La mediazione non può che essere simile alla Gran Bretagna e alla Francia che “mediarono” la crisi in Cecoslovacchia. Non ha funzionato molto bene per i cechi o gli slovacchi. Putin sta portando combattenti siriani: non indica qualcosa? Il gruppo Wagner – i mercenari su cui ha fatto affidamento in Siria e Libia – ammette che la loro compagnia (in realtà, una confederazione dissoluta di gruppi mercenari) prende il nome dal “compositore preferito di Hitler”. Questo è il potere impazzito. La mediazione condannerà gli ucraini alla servitù politica… se farà qualcosa. Naturalmente, ciò che viene “mediato” da parti esterne è: non interverremo militarmente, per favore non iniziate una guerra nucleare.

Ti chiedo un parere sulle due crisi che, nell’immediato e nel medio-lungo periodo, dovranno essere al centro dell’agenda mondiale. Come gestire la drammatica crisi umanitaria in corso (destinata a peggiorare)? E, infine, come cambierà il quadro di sicurezza in Occidente e nei rapporti tra gli alleati?

La crisi umanitaria è una delle ragioni per cui sostengo una zona di pace nell’Ucraina occidentale. In modo ottimale sarebbe guidato da nazioni non europee sotto l’autorità dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Ma è troppo lento da organizzare. La Russia arriverà prima. La scelta successiva sarebbe la forza di difesa dell’UE di cui la Francia è il principale sostenitore. Potrebbe includere le nazioni della NATO, ma non il nome NATO né gli Stati Uniti che Putin odia più di tutti. In caso contrario, la NATO deve stabilire la zona, preferibilmente senza le forze statunitensi come bordo d’attacco. Ancora una volta, non è per combattere i russi dove sono ora. È tracciare la linea. Se Putin vuole combattere l’Europa, è una sua scelta. Penso che si tirerà indietro. La NATO ha armi nucleari. L’Ucraina no. Non è un alleato della NATO. Putin si trova ad affrontare due situazioni molto diverse. Una significherebbe la sua distruzione. L’altra, in caso di perdita, è un inconveniente che potrebbe utilizzare come lamentela russa per il round successivo. Putin ha fatto esattamente ciò che temeva: ha rianimato la NATO in un modo che nessun’altra minaccia avrebbe potuto fare. (Ovviamente, può usare la “minaccia NATO” come scusa per mantenere il potere, quindi forse questo faceva parte del suo piano). Per un certo numero di anni dopo il 1991, abbiamo discusso sul futuro della NATO… era necessario in un’Europa pacifica? Alcune nazioni della NATO hanno sostenuto l’intervento in Bosnia e hanno partecipato. Alcuni no. Alcuni hanno sostenuto e partecipato in Afghanistan. Alcuni no. Tutti vedono la minaccia di Putin. Non mi riferisco alla Russia come a una minaccia: la minaccia è Putin. Senza Putin c’è una certa possibilità che la Russia possa essere una quasi-democrazia che non invaderebbe i suoi vicini. Putin ha iniziato la seconda guerra fredda. La domanda è se il Partito Comunista Cinese (loro sono la minaccia, non la “Cina”) continuerà a sostenerlo e a farne una Guerra Fredda globale. Il mondo è cambiato. Tu ed io guarderemo indietro agli anni ’90 come se fossero il paradiso.

I CONFINI PLANETARI

FOCUS June 24, 2022. By Tom Cernev, The Interpreter. In 2009, academics Johan Rockström, Will Steffen and colleagues proposed an idea well beyond the geopolitical...

SATELLITI, INTELLIGENZA ARTIFICIALE, SVILUPPO SOSTENIBILE

FOCUS June 23, 2022. By Marshall Burke, Anne Driscoll, David Lobell, and Stefano Ermon, Brookings. Data drives development policy. To determine aid packages and projects, policymakers need...

L’EFFETTO DELLE SANZIONI ALLA RUSSIA

FOCUS June 22, 2022. By Gerard DiPippo, CSIS. Western governments imposed a series of financial, trade, and travel sanctions on Russia starting in late February in response...

LA COMPLESSITA’ DELLE TECNOLOGIE DI SORVEGLIANZA

FOCUS June 2022. By Dahlia Peterson and Samantha Hoffman, Brookings. The increasing sophistication and spread of artificial intelligence (AI) and digital surveillance technologies has drawn concerns over...

US AIR FORCE E L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER UNA INTELLIGENCE “INTEGRATA”

L'Air Force sta esplorando nuovi modi in cui l'intelligenza artificiale può essere utilizzata per aiutare con la raccolta dei dati e la condivisione degli...

ENERGIA GREEN NEL SUD-EST ASIATICO

Con l'aumento delle preoccupazioni globali sui cambiamenti climatici e il blocco del carbonio, il sud-est asiatico ha un'opportunità unica per far avanzare la sua...

Ultimi articoli