domenica, Febbraio 5, 2023

GEOREFERENZIARE LA POLITICA: OLTRE LA ZTL

Le elezioni si fanno sempre più vicine, i sondaggi diventano sempre più “frenetici”. Oggi è possibile mappare, georeferenziare e conoscere dove sono e come la pensano gli elettori italiani ? Ne parliamo con chi se ne intende e che in questo periodo di pandemia abbiamo imparato a conoscere con le famose mappe a pallini rossi su sfondo nero che tracciano il Covid nel mondo: l’Amministratore Delegato di Esri Italia Emilio Misuriello.

R. Certo che è possibile. Questa tecnologia già oggi viene utilizzata, per esempio, per profilare i consumatori nella grande distribuzione: lo sanno bene aziende come Jakala che supportano importanti brand per conoscere e georeferenziare mercati e clienti sul territorio. Gestendo anche grandi mole di dati che arrivano dal territorio come dati di consumo e  statistici e dall’integrazione di propri dati come le Fidelity Card.

Ma nel campo elettorale queste tecnologie sono state utilizzate nel nostro Paese?

R. Si, per ora in campi limitati e non a tappeto. In Italia le prime applicazioni risalgono al 1996 ma erano applicazioni sperimentali e localizzate, i tempi non erano maturi e i costi erano molto elevati: i partiti politici hanno preferito investire in comunicazioni e analisi più semplici come quelle televisive o le affissioni. Oggi, magari, si investe sui social ma è una comunicazione senza una effettiva conoscenza dettagliata dell’elettore, è più un “sentiment”.

In che senso? Che significa?

R. Quando usi un social vai con un messaggio che viaggia nella rete ed è una comunicazione simile a quella televisiva, la misuri, vedi la reazione, gestisci i like, capisci il “sentiment” delle persone. Con quella che noi chiamiamo “The Science of Where” fai un lavoro “scientifico”, hai la possibilità di “conoscere” i comportamenti, i consumi e come la pensa l’elettore anche differenziando territorialmente i comportamenti.

Facciamo esempi concreti?

R. Certo, prendiamo la sezione elettorale come esempio, quella dove andiamo a votare. Noi possiamo sapere concretamente se nel nostro condominio prevale il centrodestra o il  centrosinistra e saperne lo storico: dalle sezioni di censimento si possono conoscere quali fasce d’età ci vivono, quale reddito medio ha la sezione, quanto consuma di energia e moltissimi altri parametri. Dall’intersecare di queste informazioni si possono ottenere tantissime informazioni sull’elettore. Approfondendo possiamo arrivare a capire la composizione del tessuto sociale, le sue criticità e, di conseguenza, orientare il messaggio politico localmente.

Ma è quasi una violazione della Privacy …

R. No. Sono dati aggregati molto ristretti relativi a sezioni di censimento con poche centinaia di elettori. Si opera sempre con dati aggregati e il valore aggiunto si ottiene dalle analisi spaziali che vengono effettuate. Il mio consiglio per i partiti politici è avere un centro studi che operi in continuo sulla piattaforma e sull’analisi dei dati dando gradualmente valore aggiunto confrontando le dinamiche elettorali. Diciamo che oggi ci si limita a identificare l’elettore “dentro la ZTL” ma si potrebbe andare molto oltre…. Molto interessante sarebbe, per i partiti che fanno le primarie, conoscere come e dove è distribuito e da dove proviene il proprio elettorato e sarebbe molto semplice profilarlo. È quello che da tempo si fa ad esempio in USA e non solo.

Ma questo non stride con una deontologia della politica?

R. Vero. Ci sono dei limiti che sarebbe opportuno non valicare, ma già oggi siamo continuamente monitorati e profilati. Da quando apriamo un motore di ricerca internet a quando facciamo un acquisto digitale a quando cerchiamo un indirizzo o mettiamo nel navigatore un percorso. Oggi questo viene fatto giornalmente sui social anche georeferenziando i post. Purtroppo questo non è fatto solo dal proprio governo.

Ma la vostra azienda ha mai collaborato su progetti specifici nel nostro Paese?

R. Diciamo che la nostra azienda avrebbe le conoscenze tecnologiche e le capacità per farlo, in realtà fino ad adesso abbiamo fatto “esperimenti” locali anche con il supporto di azioni conoscitive, ad esempio con altre tecnologie quali telemarketing, analitycs e dati. Ma il nostro mercato è molto più ampio della geopolitica e, diciamolo pure, decisamente più interessante dal punto di vista economico.

NEW YORK E IL “RIDESHARE” CON VEICOLI ELETTRICI

Il sindaco di New York Eric Adams ha delineato un piano che prevede che i veicoli di rideshare gestiti da piattaforme come Uber e...

LA SFIDA TECNOLOGICA (E DELLA BANDA LARGA) PER L’AGRICOLTURA ITALIANA

Secondo l'ultimo rapporto dell'Osservatorio Smart Agrifood, il mercato italiano dell'agritech è passato da 100 milioni di euro a 1,6 miliardi in cinque anni. Le...

2022: ANNO RECORD PER I FURTI DI CRIPTOVALUTE

Secondo Chainalysis, gli hacker sostenuti dallo Corea del Nord e i protocolli insicuri di finanza decentralizzata (DeFi) hanno contribuito a rendere il 2022 un...

MANILA, LA GESTIONE DEL CICLO IDRICO E L’IMPORTANZA DEL GIS

Cambiamenti climatici, crescita demografica e limitazioni delle infrastrutture sono alcuni dei fattori che pongono sfide al settore idrico. Maynilad Water Services, Inc., il più...

LOCATION INTELLIGENCE E STRATEGIE AZIENDALI

L'analisi dei contesti nei quali le aziende operano è decisiva. Cresce la convinzione di dover porre la sostenibilità al centro. In un sondaggio Deloitte condotto...

MASSICCI INVESTIMENTI USA NELL’ IA CINESE

Secondo un rapporto del tech policy group della Georgetown University, CSET, nel periodo 2015-2021 gli investitori americani, in particolare riferiti a Intel Corp e...

Ultimi articoli