lunedì, Giugno 24, 2024

INTELLIGENZA ARTIFICIALE E PROTEZIONE DEI RIFUGIATI

L’intelligenza artificiale (AI) viene introdotta per aiutare il processo decisionale in settori ad alto rischio. Ciò avviene anche con riguardo all’asilo e alla protezione dei rifugiati, in cui i metodi automatizzati di trattamento delle persone e di previsione dei rischi suscitano grande interesse. Questa applicazione fungerà da banco di prova per come l’IA riesca a proteggere o meno i diritti umani. Decisioni sbagliate o parziali sullo status di rifugiato possono avere conseguenze sulla vita o sulla morte, incluso il ritorno dei rifugiati in luoghi dove subiscono persecuzioni, in oltraggio al diritto internazionale. I sistemi decisionali esistenti per i rifugiati sono già complessi e sono spesso affetti da imperfezioni, inclusa la mancanza di rimedi legali, problemi che possono essere esacerbati se sovrapposti all’IA. Questo documento esamina le principali protezioni proposte per rendere l’IA più sensibile ai diritti umani, inclusa la prossima legge dell’UE sull’IA.

scarica il report su Chatham House

Ultimi articoli