sabato, Febbraio 24, 2024

LOS ANGELES, CALDO ESTREMO E LA MAPPATURA DELLA ‘INGIUSTIZIA’ CLIMATICA ATTRAVERSO IL GIS

Alla fine di agosto del 2022, una feroce cupola di calore si è posata su Los Angeles. Per una settimana, le temperature hanno raggiunto i 115 gradi in alcune zone della California meridionale e non si raffreddavano molto durante la notte. Il caldo estremo ha provocato un aumento del rischio di incendi, interruzioni di corrente e danni alla salute umana e agli ecosistemi.

Sebbene i cambiamenti climatici riguardino tutti, gli impatti negativi sono sproporzionati per le comunità di colore, gli adulti più anziani, i bambini piccoli e i lavoratori all’aperto. A Los Angeles, nei quartieri a basso reddito a prevalenza nera e latina, le infrastrutture adattate al clima sono meno numerose rispetto alle comunità più ricche. La presenza di pochi alberi e di molti edifici e strade crea un effetto isola di calore. Il cemento e l’asfalto immagazzinano il calore e portano a una maggiore incidenza di ospedalizzazioni e morti premature.

A giugno, Los Angeles ha nominato Marta Segura a primo responsabile per politiche di contrasto al caldo della città. L’applicazione del sistema informativo geografico (GIS) per mappare le aree della città più colpite dal caldo e la vulnerabilità sociale – un quadro di giustizia climatica – ha aiutato Segura a espandere i servizi della città e a distribuire le risorse durante gli eventi di caldo estremo.

LA’s New Chief Heat Office Maps the Need for Cooling Centers (esri.com)

Ultimi articoli