martedì, Giugno 25, 2024

DALL’AMBITO DELLA DIFESA AL SETTORE CIVILE: LO SPOSTAMENTO STRATEGICO DEL ‘DOMINIO TECNOLOGICO’

Per la maggior parte del XX secolo, fino alla fine della Guerra Fredda, il settore della difesa ha dominato lo sviluppo di tecnologie innovative, mentre il mondo civile ha beneficiato dei frutti di tale innovazione. Molte tecnologie sviluppate dai sistemi di difesa sono state adattate per uso civile e sono diventate parte integrante della vita quotidiana di miliardi di persone. Negli anni ’90, l’innovazione tecnologica è migrata sempre più dal settore della difesa a quello civile. Paradossalmente, lo sviluppo da parte del settore della difesa di nuovi sistemi come Internet ha permesso al settore civile di assumere un ruolo di primo piano in questi campi. Questo spostamento significa che il settore della difesa è ora costretto a fare affidamento su tecnologie che provengono dal mondo civile.

Come risultato di questo spostamento del dominio tecnologico, il settore della difesa è passato da un modello di innovazione chiusa a un modello di innovazione aperta, per garantire l’accesso alla tecnologia innovativa proveniente dal mondo civile in aree strategiche chiave come l’intelligenza artificiale, l’apprendimento automatico, il cyber e altro ancora.

A livello geostrategico, stiamo assistendo al ritorno della competizione di potere globale tra Stati Uniti, Cina e Russia. La recente invasione dell’Ucraina da parte della Russia potrebbe indicare il ritorno dell’uso di mezzi militari nell’ambito di questa competizione. Tuttavia, la tendenza all’innovazione aperta probabilmente continuerà. La superiorità del settore civile in molti campi tecnologici cruciali per le armi e i sistemi di difesa moderni rende altamente improbabile che un Paese inverta deliberatamente il processo, rischiando di perdere la capacità di sviluppare ulteriormente le proprie capacità di difesa.

Leggi da BESA Center

Ultimi articoli