venerdì, Giugno 21, 2024

DOVE VANNO A FINIRE I BITCOIN ? INTERVISTA A SAURADEEP BAG (OBSERVER RESEARCH FOUNDATION) (also English version)

The Science of Where Magazine e The Global Eye intervistano Sauradeep Bag, associate fellow del think tank Observer Research Foundation. I suoi interessi spaziano tra tecnologia, sviluppo economico e politiche pubbliche. Attualmente, le principali aree di interesse di Sauradeep sono il fintech e le tecnologie emergenti

Come si finanziano i conflitti nell’era delle criptovalute?

Il finanziamento dei conflitti ha assunto una dimensione nuova e complessa. I rapidi progressi tecnologici e le conquiste scientifiche trasformative hanno sconvolto non solo il nostro stile di vita, ma anche le attività criminali. Il passaggio all’economia digitale ha presentato sia miglioramenti positivi, come transazioni più veloci e un sistema di pagamento globale unificato, sia nuove sfide che la società moderna deve affrontare. I criminali hanno adattato i loro metodi e le loro tecniche per sfruttare il regno digitale.

Una tendenza allarmante degli ultimi anni è il crescente utilizzo di criptovalute per finanziare il terrorismo. Le organizzazioni terroristiche hanno adottato un approccio integrato, sfruttando i social media, le piattaforme di messaggistica e le criptovalute per la raccolta di fondi a livello internazionale. Diffondono istruzioni dettagliate sulle transazioni in criptovaluta attraverso i social network e i canali di messaggistica, attirando potenziali donatori da tutto il mondo. La natura pseudonima degli indirizzi dei portafogli di criptovalute consente agli utenti di inviare e ricevere fondi senza rivelare la propria identità, rendendola un’opzione interessante per chi è coinvolto in attività illecite.

La tecnologia blockchain che sta alla base delle criptovalute opera in modo digitale e trascende i confini, fornendo un mezzo per condurre transazioni in tutto il mondo. Sebbene le criptovalute siano soggette a una regolamentazione meno specifica rispetto alla finanza tradizionale, in alcune regioni si stanno introducendo nuove regole per affrontare i potenziali rischi.

Il Gruppo di azione finanziaria internazionale (GAFI), un organismo globale responsabile della lotta al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo, ha espresso preoccupazione per il fatto che le criptovalute possano diventare un rifugio sicuro per le transazioni finanziarie di criminali e terroristi. Sebbene la tecnologia blockchain fornisca un registro pubblico delle transazioni, è comunque possibile per le società di analisi blockchain tracciare i flussi di fondi. Tuttavia, per collegare questi flussi a individui o gruppi, i ricercatori si basano spesso su informazioni aggiuntive non registrate sulla blockchain.

Sebbene le criptovalute siano diventate parte del panorama dei finanziamenti illeciti, compreso il finanziamento del terrorismo, è importante notare che questo è solo un aspetto del problema. I criminali e i gruppi militanti utilizzano vari metodi per spostare il denaro, tra cui contanti, banche, società di comodo e reti finanziarie informali. Le criptovalute rappresentano una parte relativamente piccola e, secondo le Nazioni Unite, solo una frazione del finanziamento del terrorismo è attualmente associata alle criptovalute.

Tuttavia, il panorama si sta evolvendo e la possibilità che le criptovalute svolgano un ruolo più ampio nel finanziamento dei conflitti è una preoccupazione crescente. I crimini legati alle criptovalute, che comprendono truffe, ransomware e furti, hanno raggiunto la cifra record di 20,1 miliardi di dollari nel 2022.

Puoi spiegare ai nostri lettori come l’uso delle criptovalute sia legato ai conflitti in corso tra Russia e Ucraina e tra Israele e Hamas?

Le criptovalute hanno svolto un ruolo fondamentale nel conflitto in Ucraina, con oltre 212 milioni di dollari di donazioni in criptovalute convogliate a sostegno degli sforzi pro-Ucraina. In particolare, 80 milioni di dollari di questi finanziamenti sono stati indirizzati direttamente al governo ucraino. Questi contributi sono stati determinanti per far fronte a varie esigenze legate alla guerra, che vanno dall’equipaggiamento protettivo essenziale alle forniture mediche cruciali.

L’identificazione delle fonti di finanziamento dei recenti attacchi di Hamas ha evidenziato l’importanza delle criptovalute. Le indagini hanno rivelato un notevole afflusso di criptovalute verso le organizzazioni coinvolte nel conflitto israelo-palestinese, tra cui Hamas, la Jihad islamica palestinese e Hezbollah.

Le Brigate Al-Qassam (AQB), l’ala militare di Hamas, hanno iniziato a utilizzare le criptovalute per la raccolta di fondi nel gennaio 2019. Per aiutare le loro operazioni militanti, hanno avviato una campagna sui social media. Le prime donazioni di Bitcoin sono state piccole, pari a poche migliaia di dollari in un breve periodo di tempo. Hanno pubblicato sui social media infografiche sui Bitcoin e un indirizzo per i contributi, dove hanno ricevuto rapidamente oltre 900 dollari in un giorno, la cui fonte era tuttavia ancora sconosciuta. La maggior parte delle donazioni era modesta, ma alcune erano più consistenti. In meno di una settimana, avevano reso pubblico un altro indirizzo Bitcoin e accumulato più di 2.500 dollari in Bitcoin.

Nell’estate del 2021, quando le ostilità con Israele si fecero più intense, AQB registrò un’enorme impennata delle donazioni in criptovaluta, ricevendo più di 73.000 dollari in Bitcoin in pochi giorni. Nei portafogli di AQB, a luglio 2021, c’erano beni digitali per un valore di circa 7,7 milioni di dollari, tra cui Bitcoin, la stablecoin Tether e altre monete come Ether, Tron e Dogecoin.

Il conflitto israelo-palestinese è intricato e comprende questioni di territorio, cultura, religione, politica, nazionalità e storia. L’uso delle criptovalute da parte dei gruppi della regione complica il problema del finanziamento del terrorismo, rendendo necessari sforzi costanti per gestire questo ambiente in continua evoluzione.

(Original text)

The Science of Where Magazine and The Global Eye interview Sauradeep Bag, associate fellow at the Observer Research Foundation. His focus spans across technology, economic development, and public policy. Currently, Sauradeep’s primary areas of focus are fintech and emerging technologies.

How are conflicts financed in the age of cryptocurrencies?

The financing of conflicts has taken on a new and complex dimension. The rapid technological advances and transformative scientific achievements have disrupted not only our way of life but also criminal activities. The shift to a digital economy has presented both positive improvements, such as faster transactions and a unified global payment system, and new challenges that modern society must confront. Criminals have adapted their methods and techniques to exploit the digital realm.

One alarming trend in recent years is the increasing use of cryptocurrency to finance terrorism. Terrorist organisations have adopted an integrated approach, leveraging social media, messaging platforms, and cryptocurrencies for international fundraising. They disseminate detailed instructions on cryptocurrency transactions through social networks and messenger channels, attracting potential donors from around the world. The pseudonymous nature of cryptocurrency wallet addresses allows users to send and receive funds without revealing their identities, making it an attractive option for those involved in illicit activities.

The blockchain technology that underpins cryptocurrencies operates digitally and transcends borders, providing a means of conducting transactions across the globe. While crypto is subject to less specific regulation than traditional finance, new rules are being introduced in some regions to address potential risks.

The Financial Action Task Force (FATF), a global body responsible for combating money laundering and terrorist financing, has expressed concerns about cryptocurrencies becoming a safe haven for criminal and terrorist financial transactions. While blockchain technology provides a public record of transactions, it is still possible for blockchain analytics firms to track fund flows. However, to link these flows to individuals or groups, researchers often rely on additional information not recorded on the blockchain.

While cryptocurrencies have become a part of the illicit financing landscape, including terrorist financing, it’s important to note that this is just one facet of the problem. Criminals and militant groups use various methods to move money, including cash, banks, shell companies, and informal financial networks. Crypto is a relatively small portion, and according to the United Nations, only a fraction of terrorist financing is currently associated with cryptocurrency.

However, the landscape is evolving, and the potential for cryptocurrency to play a larger role in financing conflicts is a growing concern. Crypto crime, which includes scams, ransomware, and theft, reached a record $20.1 billion in 2022.

Can you explain to our readers how the use of cryptocurrencies is linked to the ongoing conflicts between Russia and Ukraine and between Israel and Hamas ?

Cryptocurrencies have played a pivotal role in the conflict in Ukraine, with over $212 million in crypto donations channelled to support pro-Ukrainian efforts. Notably, $80 million of this funding was directed straight to the Ukrainian government. These contributions have been instrumental in addressing various war-related requirements, ranging from essential protective gear to crucial medical supplies.

Identifying the funding sources for recent Hamas attacks has highlighted the significance of cryptocurrencies. Investigations have revealed a sizable cryptocurrency inflow to organisations involved in the Israel-Palestinian conflict, including as Hamas, the Palestinian Islamic Jihad, and Hezbollah.

The Al-Qassam Brigades (AQB), the military wing of Hamas, started using cryptocurrencies for fundraising in January 2019. In order to assist their militant operations, they started a social media campaign. The first Bitcoin donations were small, amounting to just a few thousand dollars over a short period of time. They posted infographics about Bitcoin and a contribution address to social media, where they quickly received over $900 within a day, however, the source of this was still unknown. The majority of donations were modest, but some were greater. In less than a week, they had publicised another Bitcoin address and accumulated more than $2,500 in Bitcoin.

In the summer of 2021, as hostilities with Israel grew more intense, AQB experienced a huge uptick in cryptocurrency donations, receiving more over $73,000 in Bitcoin in a matter of days. In AQB’s wallets by July 2021, there were digital assets valued approximately $7.7 million, including Bitcoin, the stablecoin Tether, and additional coins like Ether, Tron, and Dogecoin.

The Israel-Palestine conflict is intricate, encompassing issues of territory, culture, religion, politics, nationality, and history. The use of cryptocurrencies by groups in the region complicates the problem of terrorism financing, necessitating constant efforts to manage this changing environment.

(riproduzione autorizzata citando le fonti – The Science of Where Magazine e The Global Eye)

Ultimi articoli