giovedì, Maggio 30, 2024

IL TRASPORTO DELLE MERCI NELLA GRANDE REGIONE LOGISTICA MILANESE. QUALE FUTURO? IL CONTRIBUTO DI ESRI ITALIA

(di Alessandro Finicelli e Giulia Ghelfi)

Nel mese di ottobre 2023 si sono svolte due giornate di convegno – Esri Italia vi ha partecipato dando il suo importante contributo in termini di innovazione e digitalizzazione – che avevano come obiettivo la riflessione riguardo alla logistica ed il trasporto in ambito urbano delle merci e lo sviluppo di Malpensa Smart City delle Merci. I convegni sono stati organizzati dal Propeller Club Port of Milan e dalla Città Metropolitana di Milano in collaborazione con Metrex, ovvero The Network of European Metropolitan Regions and Areas che conta 50 realtà metropolitane in tutta Europa. Entrambe coinvolte nel Think Smart Mobility @MIND promosso da Esri Italia in collaborazione con Lendlease.

La prima giornata si è svolta presso Palazzo Isimbardi, sede della Città Metropolitana di Milano, ed è stato interamente in lingua inglese con molteplici ospiti internazionali. Dopo i saluti istituzionali delle autorità milanesi e lombarde che sono intervenute all’evento si è lasciata la parola ai rappresentati dei trasporti pubblici locali di diverse città metropolitane europee in modo che potessero illustrare le peculiarità dei propri apparati e i loro progetti futuri. Sono intervenuti rappresentati dei trasporti olandesi (Rotterdam nello specifico), inglesi (Birmingham nello specifico), norvegesi (Oslo nello specifico), spagnoli (Barcellona nello specifico). Ognuno di loro ha sottolineato le interconnessioni che ci sono tra i vari settori ma anche tra i vari Stati ponendo come esempio i collegamenti che hanno le rispettive realtà con la città di Milano.

La seconda giornata si è svolta presso l’Auditorium di Cascina Triulza situata all’interno del complesso del MIND, luogo simbolico proprio per la volontà di essere il polo dell’innovazione lombarda e nazionale e anche perché sede di Arexpo, promotore della giornata. Le tavole rotonde di questa giornata sono state ben tre ed hanno toccato aspetti diversi della mobilità e della logistica. Soffermiamoci sulle ultime due moderate da Alessandro Finicelli di Esri Italia.

In queste tavole rotonde i punti toccati sono stati differenti: primo tra tutti la necessità di un migliore collegamento tra la città di Milano e i porti sia marini sia fluviali arrivando anche ad ipotizzare un fiume bonus insieme a un mare e ferro bonus per le merci trasportate su acqua fluviale. Si è notato come ci sia una maggior necessità di una attenzione della politica verso la logistica sia a livello nazionale sia a livello europeo. Le problematiche nascono dal fatto che la Regione Lombardia e la Città Metropolitana di Milano non hanno competenze dirette sulla logistica di mercato e questo rallenta l’idea di “portare il mare a Milano”.

Proprio riguardo la navigazione fluviale delle merci e l’infrastruttura ferroviaria da incrementare si è parlato dell’importanza strategica delle città di Mantova e Cremona, in questo momento penalizzate da una rete ferroviaria che spesso è inadeguata ai traffici merce.

Il tema invece sviluppato dal Propeller Club Port of Milan sotto il coordinamento del suo Vicepresidente Fausto Benzi con riferimento alla logistica aerea è stato quello del Progetto Europeo FENIX, finalizzato a favorire l’interscambio e la condivisione di informazioni tra gli attori delle filiere logistiche che operano nelle reti Ten-T, l’investimento portato avanti negli ultimi tre anni da SEA, la società di gestione degli scali milanesi, è stato pari a circa 1,5 Milioni di euro. SEA ha scelto di sviluppare alcuni nuovi applicativi da integrare nell’ecosistema digitale Smart City delle merci, che permetteranno la digitalizzazione dei processi del ciclo di trattamento delle merci aeree e che coinvolgono tutti gli operatori della filiera logistica. Tali applicazioni coprono tutte le principali aree operative della filiera: trasporti stradali, operazioni aeroportuali land-side, operazioni aeroportuali air-side, procedure doganali. Tra queste: Air Fast Transfer, Smart Clearance, Smart Unload, Smart Truck e Smart Move. Le applicazioni sviluppate, essendo scalabili ed interoperabili, potranno poi essere messe a disposizione di tutti gli aeroporti italiani in linea con gli obiettivi del PNRR, a tutto vantaggio della transizione digitale e sostenibile del cargo aereo nazionale.

Durante il corso dei lavori si è messo in luce il ruolo di Milano come pioniera nell’innovazione a livello nazionale e di come la città e tutta la catena logistica si stiano cimentando nelle sfide della sostenibilità e della digitalizzazione. Ruolo fondamentale in questa transizione lo hanno i giovani: dopo aver introdotto una novità a qualsiasi livello c’è la necessità di qualcuno con le competenze per sfruttarla a pieno. Serve, dunque, formare i giovani affinché il settore progredisca e serve anche che lo stesso settore della logistica risulti maggiormente attrattivo. La logistica essendo poco visibile, ma comunque molto rilevante, non è spesso oggetto di indagini statistiche approfondite e questa scarsità di dati rappresenta un grande problema per gli operatori del settore. In generale emerge la necessità di una maggior collaborazione nel settore da parte di tutti gli operatori e questo si può verificare ipotizzando proprio una smart city delle merci, in modo che si riducano i tempi morti, i malintesi e qualsiasi imprevisto che determini perdita di tempo e risorse. La messa in comune delle informazioni, dei dati tra pubblico e privato potrebbe determinare la vera svolta del settore andando a creare una filiera in grado di identificare sempre nuove sfide e affrontarle in maniera efficiente.

Ultimi articoli