domenica, Febbraio 25, 2024

La guerra nel Caucaso è davvero finita?

L'analista Zaal Anjaparidze ci aiuta a capire il Caucaso dopo l'apparente fine del conflitto nel Nagorno-Karabakh

> English Version

Prof. Anjaparidze, come analista strategico, impegnato a comprendere le dinamiche dei conflitto nel Caucaso ci può dire a che punto siamo dopo l’ultima drammatica crisi nel Nagorno Karabakh? La pandemia COVID 19 ha contribuito a peggiorare la situazione?

Nonostante la fine delle ostilità in Karabakh, non possiamo ancora dire con sicurezza se una pace sostenibile sia stata raggiunta in questa regione dilaniata dalla guerra. Resta da vedere se l’accordo firmato da Armenia, Azerbaijan e Russia il 10 novembre porti alla pace o rappresenti solamente un armistizio. Le conseguenze di questa guerra rimangono altamente imprevedibili e la stabilità è fragile, dato che il Caucaso meridionale è diventato a lungo l’area di scontri e intersezioni di interessi geopolitici di grandi attori internazionali e regionali. Inoltre, dobbiamo tenere conto degli sviluppi socio-politici anche in Armenia e Azerbaijgian. Se le posizioni intransigenti avranno successo in Armenia, la probabilità di ripresa delle ostilità potrebbe aumentare con tutte le sue conseguenze deleterie. Certamente, il COVID-19 ha contribuito in qualche modo all’aggravamento della situazione. I Paesi OSCE del Gruppo di Minsk (Russia, Stati Uniti e Francia) erano fortemente concentrati nell’affrontare lo scoppio della pandemia durante questo periodo e purtroppo la loro reazione è stata tardiva e debole.

Che ruolo hanno gli Stati stranieri nell’area caucasica? Il nuovo corso americano potrebbe aiutare a promuovere processi di pace realistici?

Gli Stati stranieri perseguono i propri interessi geopolitici, geostrategici ed economici nel Caucaso tenendo conto della posizione decisiva della regione, sorta di ponte tra l’Europa e lo spazio eurasiatico. Cina, Stati Uniti, Russia e Unione Europea sono i principali attori in questo enigma geostrategico. Sfortunatamente, gli scontri dei loro interessi si riverberano dolorosamente sugli Stati caucasici. La Georgia ne è un chiaro esempio. La nuova amministrazione americana presumibilmente sarà più proattiva e assertiva negli affari di politica estera e nel promuovere la democrazia a livello internazionale rispetto alla precedente. Il Caucaso meridionale ospita rotte di transito strategicamente importanti: ciò è una risorsa per le nazioni caucasiche da un lato e fonte di rischi dall’altro se si tiene conto degli interessi contrastanti delle parti interessate. A mio parere, l’uso dell’approccio della complementarità e della cooperazione, invece della concorrenza, sarebbe stato un rimedio a molti problemi nella regione.

Qual è l’atteggiamento del Cremlino nella regione dopo lo scioglimento dell’Unione Sovietica 30 anni fa?

Secondo il mio punto di osservazione, l’establishment politico russo e la stragrande maggioranza della società russa sperimentano ancora una sorta di “dolore fantasma” dopo la dissoluzione dell’impero sovietico dominato dalla Russia. Questo dolore ha permeato molti aspetti delle politiche interne ed estere della Russia, specialmente nei confronti dello spazio post-sovietico, che i russi chiamano “vicino estero”. I politici del Cremlino non sono così pazzi da pianificare la restaurazione dell’Unione Sovietica. Quello che si sforzano di creare, secondo me, è una sorta di zona cuscinetto o “cintura di sicurezza” intorno alla Russia, rappresentata dalle ex Repubbliche Sovietiche, ad eccezione degli Stati Baltici, fortemente dipendenti dalla Russia politicamente, militarmente ed economicamente.

Cosa ci può dire sulle tecnologie di difesa che sono state utilizzate nell’ultima fase del conflitto del Nagorno Karabakh.? Le tecnologie militari “servono” solo un’economia di guerra o possono anche aiutare uno sviluppo equilibrato e pacifico nella regione?

Non sono un esperto militare per entrare nei dettagli dell’efficacia e dell’efficienza delle tecnologie militari impiegate dalle parti in guerra in questo conflitto specifico. Ciò che era evidente e verificato era l’impatto estremamente elevato dei moderni droni contro i veicoli militari terrestri e i sistemi di difesa aerea convenzionali. L’Azerbaijan godeva di un’apparente superiorità in questo senso, in gran parte grazie ad un aiuto militare dalla Turchia. Penso che sia ovvio che le tecnologie militari hanno servito un’economia di guerra per molti decenni, se si intende il conflitto del Karabakh. Era l’economia di guerra russa, che capitalizzava finanziariamente e politicamente sulla domanda e sull’offerta per le parti in guerra nel Caucaso. Il mantenimento di una relativa parità nelle tecnologie militari può contribuire in una certa misura a uno sviluppo pacifico in questa regione turbolenta.

BIO: Zaal Anjaparidze ha conseguito il Master in Comunicazione pubblico-politica presso l’Institute of Mass Media & Public Communications (Georgia, Tbilisi). Zaal ha lavorato per l’International Center on Conflict and Negotiation (www.iccn.ge) come coordinatore del programma di dialogo caucasico del Global Partnership for the Prevention of Armed Conflicts (www.gppac.net) con l’obiettivo di coinvolgere la società civile nelle attività di prevenzione dei conflitti e di rafforzamento della fiducia in Georgia, Armenia e Azerbaijan. Nel 2017-2018, Zaal è stata project manager nella nota ONG ceca People in Need e ha gestito il progetto finanziato dall’UE per promuovere strumenti e valori del libero scambio con l’UE nelle regioni della Georgia nell’ambito del DCFTA e dell’accordo di associazione tra Georgia e UE. Per undici anni Zaal è stato un senior program manager per lo sviluppo della società civile presso la Europe Foundation (www.epfound.ge), precedentemente operante come Eurasia Foundation. Dal 1999 al 2005, Zaal Anjaparidze ha lavorato per i vari progetti USAID diretti allo sviluppo e al rafforzamento della democrazia locale, del buon governo e della sostenibilità del settore della microfinanza. Nel periodo 1998-2000, Zaal è stato redattore capo delle edizioni in lingua inglese in Georgia “Resonance” e “Georgia Today”. Allo stesso tempo, Zaal ha tenuto corsi di formazione e seminari sulla sicurezza umana, la facilitazione, la difesa e la leadership adattativa. Dall’inizio del 1997 ad oggi Zaal Anjaparidze ha collaborato con diverse testate nazionali e internazionali, tra cui Jamestown Foundation / Eurasia Daily Monitor /, Transitions, EurActive, The Moscow Times, International Herald Tribune, Journal of Conflict Transformation / Caucasus Edition / e altri .

 

Ultimi articoli