martedì, Giugno 25, 2024

Verso il Digital Stability Board per una Bretton Woods digitale

The Science of Where Magazine incontra Robert Fay, managing director per la digital economy presso il think tank Centre for International Governance Innovation.

> English Version

Quando scrivi di “divario”, con riferimento alla tecnologia, poni la questione all’interno del quadro globale delle disuguaglianze. Quale è il “peso” sociale, culturale ed economico del “divario tecnologico”?

 Penso che il peso possa variare in base al Paese e forse all’interno dei Paesi ma, indipendentemente dal peso dato, questi sono fattori che devono essere considerati. La tecnologia ha portato, e porterà, enormi vantaggi, ma gli sviluppi tecnologici spostano e creano anche danni, e questi sono in genere più pesanti per gli individui che meno sono in grado di proteggersi o di adattarsi. La pandemia  lo ha reso fin troppo evidente. Vi sono, secondo me, cinque divari tecnologici. Primo, il divario di accesso: la nostra esigenza di separarci fisicamente ha reso le tecnologie e i servizi digitali quasi indispensabili per svolgere la routine quotidiana e restare in contatto attraverso i social network. Tuttavia, questa dipendenza ha evidenziato il profondo divario digitale nell’accesso alla banda larga e alle infrastrutture resilienti e l’accesso a tecnologie a prezzi accessibili e ha rafforzato le disparità esistenti nelle reti di sicurezza. In secondo luogo, il divario di conoscenza: i progressi della tecnologia sono sbalorditivi e creano sfide quando si tratta dell’utilizzo della tecnologia e delle implicazioni di tale utilizzo, che sono tutt’altro che ovvie e che includono la monetizzazione dei dati personali, l’invasione della privacy e così via. Queste sfide sono rese evidenti dallo sviluppo e dal lancio di applicazioni per tracciare l’esposizione al COVID-19: sia i cittadini che i governi stanno ancora discutendo sull’efficacia, la sicurezza, la privacy e la distribuzione di tali applicazioni. Terzo, il divario di fiducia: la tecnologia può fornire informazioni su larga scala. Più dannosamente, può diffondere disinformazione diffusa e può essere utilizzata per attaccare e interrompere servizi essenziali. Negli ultimi mesi, la disinformazione relativa a false cure, attacchi ransomware e attacchi informatici è stata dilagante. Vagliare la raffica di informazioni online e determinare cosa è accurato e cosa non lo è può essere estremamente difficile, e i cattivi attori usano questa confusione a proprio vantaggio. Quarto, il divario del potere di mercato: il passaggio a un’economia basata sui dati immateriali sembra portare a meno vincitori e più vinti – in effetti, una caratteristica di questa economia è la struttura economica “chi vince prende di più”. Durante la pandemia, abbiamo assistito a un forte aumento delle valutazioni di mercato di alcune grandi aziende tecnologiche multinazionali poiché le loro posizioni di mercato sono diventate ancora più radicate a causa della necessità di utilizzare piattaforme digitali nella pandemia e del maggiore accesso delle aziende ai dati acquisiti dal (sempre più frequente) coinvolgimento degli utenti. Al contrario, le società più piccole e orientate al mercato interno hanno dovuto affrontare il fallimento, che spesso ha portato alla perdita di realtà innovative. In effetti, le imprese sono impegnate in una concorrenza spietata, non nel senso tradizionale in cui la concorrenza tra le imprese fa abbassare i prezzi e aumenta il benessere e la scelta dei consumatori. Anzi, è l’opposto: è una competizione per il controllo della proprietà intellettuale e delle rendite che ne derivano. È una gara sui valori che governano gli usi delle nuove tecnologie. Paesi e giurisdizioni – e persino individui – stanno stabilendo regole strategiche e utilizzano tecnologie a vantaggio dei propri interessi. E, infine, il divario di distribuzione: l’obiettivo di distribuire in modo più uniforme i ricavi delle aziende digitali multinazionali è uno sforzo continuo presso l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. Ma questo lavoro è diventato più difficile da quando gli Stati Uniti hanno deciso di ritirarsi dai negoziati sull’erosione della base imponibile e sul trasferimento dei profitti. Questa mossa ha contrapposto gli Stati Uniti ad altri Paesi e ha favorito, a esempio, le tensioni commerciali con Canada, Francia e Regno Unito che hanno proposto di andare avanti da soli. Ancora più urgente, la condivisione della proprietà intellettuale per combattere la pandemia ha illustrato in modo vivido le tensioni, per creare un vaccino, tra il maggior bene pubblico e le ragioni economiche. Molte delle nostre istituzioni e normative si sono rivelate estremamente carenti in questi settori ed è necessario un ripensamento completo.

Rispetto al tema della governance digitale globale, come si pone la la cosiddetta “comunità internazionale”? Come inciderà il nuovo corso americano? E l’Europa, quali politiche sta attuando? Alcuni Paesi (penso, in particolare, a Russia e Cina) sembrano preferire una sorta di “sovranità digitale”. Quali sono i motivi di questa scelta?

Penso che ci siano due elementi: la comunità internazionale è pronta e le comunità nazionali sono pronte? E come dovrebbero lavorare insieme? La sovranità digitale assume forme diverse e sono in gioco grandi interessi acquisiti  a livello aziendale, nazionale e regionale. Per esempio: la sfera digitale statunitense è focalizzata sul settore privato e sui suoi campioni nazionali come Facebook e Google. Gli Stati Uniti sanciscono nei loro accordi commerciali flussi di dati aperti (nessuna localizzazione tranne che in circostanze limitate) che reindirizzano i dati alle aziende americane, il che rafforza ulteriormente il loro potere di mercato e le loro economie di scala e ambito. Comprende anche disposizioni sull’approdo sicuro per il contenuto delle sue piattaforme di social media, rendendo estremamente difficile la regolamentazione dei contenuti. E gli Stati Uniti generalmente consentono alle piattaforme di impostare i propri termini, condizioni e applicazione. La sfera digitale dell’UE non ha campioni nazionali e si concentra invece su regolamenti strategici per frenare il potere di mercato delle piattaforme e promuovere i diritti individuali attraverso il Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR). Si concentra sulla privacy dei dati personali e ha creato un ampio quadro giuridico per la sua protezione. Qualsiasi azienda che gestisca e utilizzi dati personali dell’UE deve attenersi al GDPR o disporre di un quadro equivalente in base alla valutazione dell’UE. La Cina e il suo grande firewall formano un’altra sfera digitale con una localizzazione completa dei dati e un enorme database dei suoi cittadini che può essere utilizzato per creare campioni nazionali. Ciò è sostanzialmente coerente con la determinazione della Cina a risalire la catena del valore aggiunto. Il suo firewall ha anche grandi difetti, che cerca di superare, a esempio, acquisendo dati tramite la Belt and Road Initiative e altri mezzi. La Cina è anche determinata a diventare leader nella definizione degli standard che le consentano di integrare la sua tecnologia e diffondere i suoi valori a livello globale. Naturalmente, la maggior parte della popolazione globale non rientra in questi “regni” ma siamo tutti fortemente influenzati da ciò che accade al loro interno.

Il nostro obiettivo è il rapporto tra tecnologia e società umana. Quali rischi (a esempio, nuove forme di controllo) e quali opportunità (a esempio, nella pandemia, buone tecnologie per la salute) possiamo considerare nella difficile strada per costruire un nuovo “ordine” mondiale?

  1. Abbiamo dinamiche classiche di insider / outsider in gioco che vengono rafforzate con ogni coinvolgimento degli utenti di una piattaforma. Le sfere stanno definendo ciò che è meglio per loro e soddisfano i loro scopi con un input minimo o nullo da parte di coloro che sono al di fuori dei “regni”. A esempio, il GDPR viene ora discusso come uno standard globale e ci sono molti elementi positivi. Ma quale input hanno avuto i Paesi al di fuori dell’UE in questo “standard”?
  2. Le piattaforme di social media, e altri, in genere definiscono i propri codici di condotta e definiscono anche il modo in cui li applicheranno. Possono essere basati su codici definiti altrove, ma alla fine sono le piattaforme a decidere. Perché dovrebbe essere così? Perché i governi non dovrebbero imporre i valori democratici delle rispettive società ? Perché le piattaforme dovrebbero essere il giudice e la giuria? È vero che c’è una crescente domanda di trasparenza e responsabilità, e le autorità di regolamentazione stanno iniziando ad agire, ma la strada da percorrere è lunga.
  3. È imperativo avere una più stretta collaborazione globale sulla governance di queste tecnologie che hanno un impatto su tutti noi. Le tecnologie digitali, e in particolare i dati, non rispettano i confini e non dovrebbero essere definiti da interessi acquisiti. Inoltre, il coordinamento è necessario in modo da non ottenere una versione digitale di ciò che abbiamo visto con i paradisi fiscali. La cooperazione globale è essenziale. Persino le piattaforme dei social media hanno chiesto di rendersi conto che un regime transnazionale multilaterale unificato e coerente ridurrebbe i costi di conformità. Ma un tale meccanismo di coordinamento non esiste.
  4. In CIGI abbiamo proposto un Digital Stability Board, modellato sul Financial Stability Board, per svolgere questa funzione di coordinamento. Un’architettura di governance internazionale aggiornata e completa è urgentemente necessaria soprattutto quando il mondo si frammenta in “regni” di dati. Bretton Woods è stata la risposta degli alleati allo shock finanziario e sociale nel periodo del dopoguerra. Ha portato decenni di stabilità finanziaria e prosperità al sistema economico mondiale. È ora necessario un nuovo Bretton Woods-style agreement, che si traduca in un organismo internazionale per stabilizzare il mondo digitale (Digital Platforms Require a Global Governance Framework) e per consentire al mondo di mantenere le potenzialità legate alla nuova era connessa. Un reset di questo tipo fornirebbe l’opportunità di creare un quadro istituzionale simile per gestire l’infrastruttura digitale mondiale mentre il mondo si riprende dagli impatti finanziari e sociali dell’attuale pandemia. Abbiamo coniato la proposta del  Digital Stability Board e abbiamo pubblicato articoli su di essa. L’FSB non è basato su trattati ma ha gestito e realizzato il vasto processo di riforma della regolamentazione finanziaria globale. Il suo successo deriva in parte da forum internazionali partecipativi multi-stakeholder che includono responsabili politici, regolatori, organismi di definizione degli standard e società civile. In modo simile, il DSB sarebbe anche un forum multi-stakeholder con il compito di creare una governance globale per i big data, l’intelligenza artificiale e le piattaforme digitali, consentendo nel contempo alle realtà nazionali di portare valori e culture differenti. Ciò formerebbe le politiche nella platform economy per fornire consulenza sulle migliori pratiche, nonché approfondimenti sulle azioni normative e politiche necessarie per affrontare i rischi e le vulnerabilità in modo tempestivo.

Ultimi articoli