domenica, Gennaio 23, 2022

DEMOCRAZIA, CONTRADDIZIONI, SICUREZZA, TECNOLOGIA. WHAT’S NEXT ?

Appunti per un laboratorio su Democrazia e Stato nel tempo della rivoluzione tecnologica

Il “Summit delle Democrazie” proposto dal Presidente americano Biden è una prospettiva ricca di interesse strategico ma anche di grandi difficoltà. Ne scrive Bruce Jones su Brookings (30 novembre), ponendo l’attenzione su tre strade possibili: coalizzare le democrazie in Asia per cercare di limitare la Cina (il rafforzamento del Quad e l’AUKUS ne sono un esempio); unire un certo numero di Paesi democratici (anche oltre l’Asia) sul tema dell’interferenza politica da parte di regimi autoritari (qui il collegamento con la tecnologia è fondamentale); mobilitare le democrazie intorno alla difesa delle principali istituzioni multilaterali e dei loro valori. Ridel, giustamente in termini di realismo politico, richiama alla necessità che le democrazie si impegnino, se davvero vogliono dare un segnale di vitalità, nel ridefinire le catene di approvvigionamento globali in aree critiche. Servono flessibilità nelle alleanze e agilità d’azione.

Nel parlare di Europa, nel quadro più ampio del “Summit delle Democrazie”, Carlo Bastasin (Brookings, 30 novembre) approfondisce il rapporto decisivo tra democrazia e sicurezza. E lo fa attraverso una disamina assai interessante evidenziando i contorni e i contenuti geostrategici di quanto accade nei rapporti tra Europa e Polonia con particolare (ma non esclusivo) riferimento alla situazione al confine tra quest’ultima e la Bielorussia. Il governare democraticamente sistemi complessi come L’Europa, nel tempo che viviamo, chiede certamente un surplus di visione e di capacità pragmatica in termini di mediazione diplomatica.

Sempre sull’Europa, Kemal Derviş (Project-Syndicate, 30 novembre) sottolinea come l’Europa possa guadagnare un nuovo ruolo globale abbracciando politicamente le due aree al contempo decisive e divisive a livello mondiale: l’azione sul clima e la competizione sulle “dual-use technologies” come quantum computing, intelligenza artificiale, biotecnologie. Può rinascere su queste basi il progetto (realmente democratico) europeo ? Il dibattito è aperto.

Riferimenti:

Can Biden rally the powerful democracies? (Bruce Jones, Brookings)

When security in Europe conflicts with democracy in Poland (Carlo Bastasin, Brookings)

Europe’s Two Peace Missions (Kemal Derviş, Project Syndicate)

LO SVILUPPO TECNICO-SCIENTIFICO NON PUÒ ESSERE ASETTICO. PARLA MAURO LOMBARDI (UNIVERSITÀ DI FIRENZE)

The Science of Where Magazine incontra il Prof. Mauro Lombardi, docente di Economics of Innovation presso il DISEI (Dipartimento di Scienze per l’Economia e l’Impresa, Università di...

LE DIFFICOLTÀ DEL MULTILATERALISMO DIGITALE. PARLA SARAH KREPS (CORNELL UNIVERSITY)

The Science of Where Magazine incontra Sarah Kreps. Sarah è John L. Wetherill Professor of Government, Adjunct Professor of Law, Direttore del Tech Policy Lab at Cornell University.  E'...

L’INTELLIGENCE TRA RISCHIO, CYBER E PASSIONE 

The Science of Where Magazine incontra Adriana Piancastelli Manganelli,  OSINT Senior Analyst Il rischio è in profonda trasformazione e, sempre di più, vediamo la complessità della...

LA CINA DOMINA LE TERRE RARE 

Diario geostrategico, 17 gennaio 2022   Buona lettura !      The Science of Where Magazine's interviews: - L'Intelligence tra rischio, cyber e passione. The Science of Where Magazine incontra Adriana Piancastelli...

DIGITAL SOVEREIGNTY FOR THE WIN, SAYS SARAH KREPS (CORNELL UNIVERSITY)

by Marco Emanuele The Science of Where Magazine meets Sarah Kreps. Sarah is the John L. Wetherill Professor of Government, Adjunct Professor of Law, and Director of the...

IL POTERE TRASFORMATIVO DELL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE (SECONDO KISSINGER E SCHMIDT)

Diario geostrategico, 14 gennaio 2022   Buona lettura !  The Science of Where Magazine's interviews: - L'Intelligence tra rischio, cyber e passione. The Science of Where Magazine incontra Adriana Piancastelli...

Ultimi articoli