giovedì, Luglio 25, 2024

SHOBA SURI (ORF): IL G20 PER UN SISTEMA ALIMENTARE SOSTENIBILE (with english version)

In dialogo con Shoba Suri, Senior Fellow dell’Observer Research Foundation’s Health Initiative. Shoba è una nutrizionista con esperienza nella ricerca clinica e comunitaria. Ha lavorato nel campo della nutrizione, dell’assistenza sanitaria, dell’alimentazione dei bambini e dei ragazzi, dell’advocacy e della valutazione delle politiche. Shoba è un’esperta di consulenza sull’alimentazione dei neonati e dei bambini con più di 40 pubblicazioni di ricerca in riviste scientifiche e libri

Risultato immagine per shoba suri

 

La tua riflessione per Observer Research Foundation pone una visione complessa tra sicurezza alimentare, cambiamento climatico, agricoltura sostenibile e uso del suolo. C’è consapevolezza di questa relazione inscindibile?

Negli ultimi anni si è assistito a un aumento del riconoscimento della relazione complessa e interdipendente tra insicurezza alimentare, variabilità climatica, pratiche agricole sostenibili e utilizzo del territorio. Questa rete interdipendente ha conseguenze di vasta portata per la salute del pianeta e dei suoi cittadini. La sicurezza alimentare, che è la garanzia di un accesso regolare ed equo a cibo nutriente, sta affrontando sfide crescenti a causa del cambiamento climatico. La variabilità del clima e i modelli meteorologici imprevedibili stanno sconvolgendo le pratiche agricole tradizionali, con conseguenti perdite di raccolto e insicurezza alimentare. Eventi meteorologici estremi come siccità e inondazioni aggravano ulteriormente questi problemi, soprattutto per le popolazioni vulnerabili. D’altra parte, la variabilità climatica è intrinsecamente legata alle pratiche agricole e all’uso del suolo. Pratiche agricole come la deforestazione, l’allevamento del bestiame e l’uso di fertilizzanti sintetici contribuiscono alle emissioni di gas a effetto serra, che a loro volta contribuiscono al riscaldamento globale e alterano ulteriormente i modelli meteorologici, creando così un circolo vizioso che minaccia la produzione alimentare. La soluzione a questa sfida risiede nell’agricoltura sostenibile, che si concentra su pratiche che mantengono o migliorano la produttività agricola riducendo al contempo il degrado ambientale. I principi dell’agricoltura sostenibile includono la rotazione delle colture, l’agricoltura biologica e la riduzione dell’uso di pesticidi. Anche l’uso del suolo è un fattore chiave in questa equazione, poiché l’espansione agricola rilascia carbonio nell’atmosfera, peggiorando il cambiamento climatico. D’altro canto, pratiche come la riforestazione e l’agroforestazione e la conservazione del territorio possono sequestrare il carbonio e migliorare la salute del suolo, contribuendo così sia all’agricoltura che alla mitigazione dei cambiamenti climatici. Gli accordi internazionali, come l’Accordo di Parigi e gli Obiettivi di sviluppo sostenibile, sottolineano la necessità di affrontare insieme questi problemi per creare un futuro sicuro e sostenibile per il pianeta e i suoi abitanti.

L’argomento che hai esplorato ha una rilevanza sia globale che locale. Come si può rendere l’agricoltura più sostenibile e resiliente nelle comunità dei Paesi in via di sviluppo?

L’agricoltura nei Paesi in via di sviluppo deve affrontare una serie di problemi, come il cambiamento climatico, la scarsità di risorse e l’insicurezza alimentare. Per affrontare queste sfide è possibile utilizzare una combinazione di strategie, adattate alle esigenze e alle circostanze specifiche di ciascuna comunità, per rendere l’agricoltura più sostenibile e resiliente. Alcuni esempi: aumentare la diversità delle colture e diversificare i sistemi agricoli misti che includono l’allevamento e l’acquacoltura per migliorare il ciclo dei nutrienti e la resilienza; investire in sistemi di irrigazione efficienti per migliorare la salute e la conservazione del suolo; promuovere pratiche di agricoltura biologica; coltivare colture resistenti al clima e sementi resistenti alla siccità, come il miglio; rafforzare i legami di mercato e le catene del valore per consentire agli agricoltori di vendere i loro prodotti a prezzi ragionevoli; fornire opportunità di microfinanziamento per aiutare gli agricoltori a investire in pratiche sostenibili. Infine, un sostegno politico che enfatizzi l’agricoltura sostenibile e fornisca incentivi per le pratiche sostenibili.

La presidenza indiana del G20 è un’opportunità straordinaria e il tema che hai analizzato fa parte del dibattito strategico. Quali prospettive concrete vede in termini globali?

La Presidenza indiana del G20 offre un’opportunità unica per affrontare le sfide globali legate ai sistemi alimentari sostenibili, ai cambiamenti climatici e alla domanda alimentare. Le prospettive concrete includono la cooperazione internazionale, la condivisione delle conoscenze, la promozione delle politiche e la mobilitazione delle risorse per creare un sistema alimentare globale più sostenibile, resiliente ed equo. Il G20 può svolgere un ruolo centrale nel plasmare il futuro dell’agricoltura per soddisfare le esigenze di una popolazione mondiale in crescita e salvaguardare il pianeta. I Paesi del G20 possono condividere le migliori pratiche e l’assistenza tecnica per aiutare i Paesi ad adattarsi ai cambiamenti climatici e a mitigare le emissioni di gas serra legate all’agricoltura. I Paesi del G20 possono promuovere la cooperazione internazionale nella ricerca e nell’innovazione in campo agricolo, mettendo in comune le proprie risorse e competenze. Lavorando insieme, i Paesi possono accelerare lo sviluppo di varietà di colture sostenibili, di colture resistenti ai parassiti e di tecnologie per l’agricoltura di precisione. I Paesi del G20, compresa l’India, possono collaborare sui temi della sicurezza alimentare globale. Coordinare gli sforzi per migliorare i sistemi di distribuzione alimentare e ridurre le perdite e gli sprechi di cibo, nonché promuovere un’agricoltura sostenibile, può contribuire a garantire più cibo alle popolazioni vulnerabili di tutto il mondo. Gli investimenti per lo sviluppo agricolo e rurale nei Paesi in via di sviluppo, con particolare attenzione agli investimenti infrastrutturali, allo sviluppo delle capacità e all’assistenza finanziaria ai piccoli agricoltori per alleviare la povertà e promuovere pratiche agricole sostenibili, possono essere sfruttati dal G20 come piattaforma di governance globale per un sistema alimentare sostenibile. Questa piattaforma può facilitare il dialogo e gli accordi tra le nazioni, stabilendo obiettivi e parametri condivisi per un’agricoltura sostenibile.

(English version)

Your reflection published by Observer Research Foundation brings a complex view between food security, climate change, sustainable agriculture and land use. Is there awareness of this inseparable relationship?

 Recent years have seen a surge in recognition of the complex and interdependent relationship between food insecurity, climate variability, sustainable agricultural practices, and land utilisation. This interdependent network has far-reaching consequences for the health of the planet and its citizens. Food security, which is the assurance of regular and equitable access to nutritious food, is facing growing challenges as a result of climate change. Climate variability and unpredictable weather patterns are disrupting traditional agricultural practices, resulting in crop failures and food insecurity. Extreme weather events such as drought and flooding further exacerbate these issues, particularly for vulnerable populations. On the other hand, climate variability is intrinsically linked to agricultural practices and land use. Agricultural practices such as deforestation, livestock husbandry, and the use of synthetic fertilizers contribute to greenhouse gas emissions, which in turn contribute to global warming, and further disrupts weather patterns, thus creating a vicious circle that threatens food production.The solution to this challenge lies in sustainable agriculture, which focuses on practices that maintain or improve agricultural productivity while reducing environmental degradation. Common principles of sustainable agriculture include crop rotation, organic farming and reduced pesticide use. Land use is also a key factor in this equation, as agricultural expansion releases carbon into the atmosphere, which worsens climate change. On the other hand, practices such as reforestation and agroforestry as well as land conservation can sequester carbon and improve soil health, thus contributing to both agricultural and climate change mitigation.The need for a comprehensive approach to address these issues is becoming increasingly apparent. International agreements, like the Paris Agreement and Sustainable Development Goals, emphasize the need to address these issues together in order to create a secure and sustainable future for the planet and its inhabitants.

The topic you have explored has both global and local relevance. How can agriculture be made more sustainable and resilient in communities in developing countries?

Agriculture in developing countries is confronted with a range of issues, such as climate change, resource constraints, and food insecurity. To address these issues, a combination of strategies, tailored to the particular needs and circumstances of each community, can be employed to make agriculture more sustainable and resilient. Examples – increasing crop diversity and diversifying mixed farming systems that include livestock and aquaculture to improve nutrient cycling and resilience; investing in efficient irrigation systems to improve soil health and conservation; promoting organic farming practices; cultivating climate-resistant crops and drought-resistant seeds, such as millets; strengthening market links and value chains to enable farmers to sell their produce at reasonable prices; and providing microfinance opportunities to assist farmers in investing in sustainable practices. Finally, policy support that emphasizes sustainable agriculture and provides incentives for sustainable practices.

The G20 Indian Presidency is an extraordinary opportunity and the topic you have explored is part of the strategic debate. What concrete prospects do you see in global terms ?

The G20 Indian Presidency offers a unique opportunity to address global challenges related to sustainable food systems, climate change, and food demand. Concrete prospects include international cooperation, knowledge sharing, policy advocacy, and resource mobilization to create a more sustainable, resilient, and equitable global food system. The G20 can play a pivotal role in shaping the future of agriculture to meet the needs of a growing global population while safeguarding the planet.Agricultural practices and technologies that are resilient to climate change can be adopted around the world. G20 countries can share best practices and technical assistance to assist countries in adapting to changing climate trends and mitigating agriculture-related GHG emissions.  G20 countries can promote international cooperation in agriculture research and innovation by pooling their resources and expertise. By working together, countries can speed up the development of sustainably grown crop varieties, pest-resistant crops, and precision farming technologies.  G20 nations including India can work together on global food security issues. Coordinating efforts to enhance food distribution systems and reduce food losses and waste, as well as promoting sustainable agriculture, can help to secure more food for vulnerable populations around the world. Agricultural and rural development investments in developing countries, with a focus on infrastructure investment, capacity development, and financial assistance to smallholder farmers in order to alleviate poverty and promote sustainable farming practices, can be leveraged by the G20 as a global governance platform for a sustainable food system. This platform can facilitate dialogue and agreements between nations, establishing shared objectives and benchmarks for sustainable agriculture.

Ultimi articoli