giovedì, Luglio 25, 2024

MAPPATURA DELLA BIODIVERSITA’ CON LE COMUNITA’ INDIGENE DELL’AFRICA. IN DIALOGO CON THOMAS SMITH DI UCLA (also English version)

The Science of Where Magazine incontra Thomas Smith dell’Università della California – Los Angeles (UCLA). Ha fondato e co-dirige il Congo Basin Institute. Thomas supervisiona numerosi progetti di ricerca e dirige le ricerche di studenti laureati, ricercatori post-dottorato e senior su progetti in paesi tropicali di tutto il mondo.

 

La tua esperienza con i Baka del bacino del Congo è complessa. Come la descriveresti ai nostri lettori?

Il bacino del Congo ospita la seconda foresta pluviale più grande del mondo, che trattiene oltre 60 miliardi di tonnellate di carbonio e ospita un’enorme biodiversità e diversità culturale umana. La regione deve affrontare sfide enormi: sicurezza alimentare e idrica, salute umana, perdita di biodiversità e cambiamenti climatici. Entro la fine del secolo, quattro persone su dieci saranno africane. Per questo è di vitale importanza sfruttare la ricerca a livello locale e internazionale per affrontare le sfide della regione. Decenni di ricerca estrattiva del passato – in cui gli scienziati occidentali arrivavano con un paracadute, raccoglievano dati e se ne andavano – devono essere sostituiti da modelli che enfatizzino il coinvolgimento delle comunità e lo sviluppo delle capacità.

Da decenni lavoro in collaborazione con le comunità indigene del bacino del Congo. Tra queste ci sono i Baka, un popolo indigeno tradizionalmente cacciatore-raccoglitore, ma che è stato in gran parte costretto a lasciare le proprie terre ancestrali e ad essere emarginato. L’idea del Congo Basin Institute (CBI), che ho fondato e co-dirigo, è nata più di dieci anni fa, quando l’Università della California – Los Angeles (UCLA) ha stretto una partnership con l’International Institute for Tropical Agriculture, internazionalmente riconosciuto, per sviluppare soluzioni alle sfide africane in collaborazione con gli africani. Per portare avanti la missione dell’UCLA di migliorare la nostra società globale, il CBI ora attira studiosi dalle scienze fisiche, biologiche e sociali, dalle scienze giuridiche, dalla medicina, dall’odontoiatria e dalla sanità pubblica.

Dopo anni di collaborazione nella ricerca ecologica ed evolutiva, gli anziani Baka hanno espresso la preoccupazione che le loro vaste conoscenze tradizionali non venissero trasmesse alle nuove generazioni. In risposta, il CBI ha lavorato con la comunità per sviluppare un programma completo per: 1) documentare le conoscenze dei Baka in modo informato e accessibile alla comunità; 2) creare opportunità culturalmente appropriate per gli anziani di insegnare ai giovani; 3) offrire ai giovani opportunità di lavoro nella ricerca e di apprendimento basato sulle competenze che rafforzino e incoraggino l’uso delle conoscenze tradizionali della loro comunità. Il CBI ha ottenuto un finanziamento, ha lavorato con gli anziani per sviluppare un programma di studi, ha organizzato corsi formali sul campo e tutoraggi, ha creato opportunità di assistenza alla ricerca per i giovani Baka e ha assistito nella registrazione delle conoscenze tradizionali Baka e nella loro messa a disposizione della comunità. Gli anziani della comunità hanno co-sviluppato il programma di studi, hanno fatto da tutor ai giovani e hanno tenuto i corsi sul campo come “professori della foresta”, termine che preferiscono per definire il loro ruolo. I giovani Baka hanno partecipato ai corsi sul campo e al tutoraggio e hanno preso l’iniziativa di documentare le conoscenze tradizionali. I giovani Baka sono ora più impegnati con la loro cultura e le loro conoscenze tradizionali e contribuiscono direttamente alla continuità della loro eredità culturale. Il progetto fa inoltre progredire la ricerca ecologica sulla vasta foresta pluviale del Bacino del Congo, di importanza critica e poco studiata, combinando la scienza occidentale con le conoscenze ecologiche tradizionali dei Baka. Il programma ha avuto un tale successo che gli anziani Baka hanno recentemente chiesto un sostegno per espandere i programmi ad altre comunità Baka in cui hanno legami di parentela.

La mappatura delle conoscenze indigene è un elemento chiave per la consapevolezza dell’importanza della biodiversità e per la sua conservazione. Come può la tecnologia con approccio geografico aiutare questa attività?

Con un finanziamento della NASA stiamo confrontando le conoscenze dei Baka con i dati del telerilevamento per capire come corrispondano. La struttura e la dinamica delle foreste possono essere oggetto di molti insegnamenti da parte dei Baka, che possono aiutarci a conservare meglio le foreste pluviali. Da molti decenni lavoro alla mappatura dei processi di biodiversità. Una recente pubblicazione descrive un modello per preservare la biodiversità in condizioni di cambiamento climatico (che può essere applicato ovunque sul pianeta).

Infine, come l’attività che svolgete in Congo può essere “esportata”, tenendo conto delle differenze, in altri contesti?

Il CBI collabora sia con le comunità locali sia con la comunità scientifica africana. L’idea del CBI è stata sviluppata più di tre decenni fa con i primi progetti di ricerca e di comunità. La creazione del CBI è stata finanziata da una sovvenzione quinquennale di 5 milioni di dollari dell’NSF Partnerships for International Research and Education (PIRE). Il progetto ha creato un quadro per la conservazione della biodiversità nell’ambito dei cambiamenti climatici in Camerun e Gabon. La sovvenzione ha coinvolto 40 scienziati di 25 università e ONG internazionali e africane. Il programma PIRE ha promosso l’istruzione, la formazione, il rafforzamento delle capacità e la scienza comunitaria attraverso numerosi workshop di sviluppo professionale e corsi sul campo con studenti americani e africani. Abbiamo tenuto quattro workshop rivolti ai responsabili delle decisioni in materia di conservazione dei ministeri e delle ONG per comunicare i risultati delle nostre ricerche e garantire che vengano utilizzati per influenzare le politiche.

Il CBI continua a coinvolgere gli scienziati africani, dai laureandi ai professori senior, per fornire un’ampia rete di contatti, sviluppo professionale e supporto tecnico, oltre che per sviluppare le capacità. Il CBI ha fornito formazione scientifica a oltre 700 scienziati africani attraverso corsi e workshop. Abbiniamo ricercatori a studenti e ricercatori privati africani per collaborare a progetti di ricerca. Il CBI ha assegnato quasi 700.000 dollari in piccole borse di ricerca a giovani e promettenti studiosi africani. Tutti gli oltre 100 beneficiari hanno dichiarato di aver migliorato le proprie competenze grazie alla borsa di studio e il 98% ha dichiarato che ha contribuito a far progredire la propria carriera.

Attualmente, dieci comunità del Camerun meridionale collaborano con il CBI al Progetto Ebony, che protegge una specie iconica e vulnerabile, riforesta terreni degradati, affronta problemi di sicurezza alimentare locale e migliora i mezzi di sussistenza rurali. Il partenariato ha piantato oltre 17.000 alberi autoctoni, compresi alberi da frutto e medicinali di valore locale selezionati dai membri della comunità. Le comunità aiutano a raccogliere i materiali di partenza, a coltivare e a piantare gli alberi, mentre il CBI fornisce materiali e formazione e migliora i metodi di coltivazione attraverso le nostre attività di ricerca mirate. Su richiesta delle comunità, il progetto ha sviluppato un libretto di inventario degli alberi e sta passando a una registrazione digitale con l’uso di smartphone per aiutare i singoli agricoltori a tenere traccia degli alberi piantati e a rafforzare le loro rivendicazioni fondiarie.

Per il futuro, il CBI si concentra sulla sostenibilità finanziaria e sull’impegno sostenibile a due livelli. In primo luogo, l’approccio “big tent” del CBI sta incoraggiando un maggior numero di ricercatori a partecipare. Questo genera più ricerca e attenua i rischi, garantendo che il lavoro della CBI sia sostenuto da molte sovvenzioni di decine di ricercatori. Il CBI sta anche lavorando per migliorare il modo in cui comunichiamo i nostri valori e il nostro approccio ai potenziali nuovi partner, e come utilizziamo la nostra infrastruttura per incoraggiare un impegno equo con le comunità. In secondo luogo, i progetti del CBI si stanno espandendo organicamente, con le comunità partecipanti che suscitano interesse per la ricerca impegnata del CBI nelle comunità vicine. Dal punto di vista finanziario, il CBI ha sviluppato un modello di business su tre fronti per garantire la longevità e ha appena ottenuto il maggior successo di raccolta fondi, che ci ha permesso di espandere il Progetto Ebony e la Scuola per le conoscenze indigene e locali.

Attualmente, il CBI sta esportando questi approcci in altri Paesi del bacino del Congo. Nel 2015, anno di creazione del CBI, abbiamo lavorato in Camerun; oggi stiamo lavorando in otto contee, sfruttando le lezioni apprese.

(Original version)

Your experience with the Baka of the Congo Basin is complex. How would you describe it to our readers?

The Congo Basin is home to the world’s second largest rainforest, sequestering over 60 billion tons of carbon, and harboring tremendous biodiversity and human cultural diversity.  The region faces enormous challenges—food and water security, human health, loss of biodiversity, and climate change.  By the end of the century, four in every ten humans will be African.  This makes it vitally important to leverage research locally and internationally to address the region’s challenges.  Decades of past extractive research—where western scientists would parachute in, collect data and leave— must be replaced with models emphasizing community engagement and capacity building.

I’ve worked collaboratively with Indigenous communities in the Congo Basin for decades.  This includes the Baka, an Indigenous people who were traditionally hunter-gatherers, but have largely been forced off their ancestral lands and marginalized. The concept for Congo Basin Institute (CBI), that I founded and co-direct originated over a decade ago when UCLA formed a partnership with the world-renowned International Institute for Tropical Agriculture to develop solutions to African challenges in partnership with Africans. Advancing UCLA’s mission to better our global society, CBI now draws scholars from the physical, life, and social sciences; law, medicine, dentistry, and public health.

After years of collaboration on ecological and evolutionary research, Baka elders expressed concern that their vast traditional knowledge was not being passed on to younger generations.  In response, CBI worked with the community to develop a comprehensive program to: 1) document Baka knowledge in ways informed by and accessible to the community, 2) create culturally appropriate opportunities for elders to teach youth, and 3) offer the youth research employment and skills-based learning opportunities that reinforce and encourage the use of their community’s traditional knowledge.  CBI secured grant funding, worked with elders to develop a curriculum, organized formal field courses and mentorships, created research assistant opportunities for Baka youth, and assisted in recording Baka traditional knowledge and making it available to the community.  The community elders co-developed the curriculum, mentored the youth, and taught the field courses as “professors of the forest”– their preferred term for their role.  The Baka youth participated in field courses and mentoring, and took the lead in documenting traditional knowledge.  Baka youth are now more engaged with their culture and traditional knowledge, and are contributing directly to the continuity of their cultural legacy.  The project also advances ecological research on the vast, critically important, and understudied Congo Basin rainforest by combining western science with Baka traditional ecological knowledge.  The program has been so successful that the Baka elders recently asked for support to expand the programs to other Baka communities where they have kinship ties.

The mapping of indigenous knowledge is a key element in the awareness of the importance of biodiversity and in preserving it. How can technology with a geographical approach help this activity?

With funding from NASA we are contrasting Baka knowledge with remote sensing data to understand how they correspond. There are many insights on forest structure and dynamics we can learn from Baka that can help us better conserve rainforest. I’m been working on mapping biodiversity process for many decades. Here attached a recent publication that describes a model for preserving biodiversity in climate change conditions (that can be applied anywhere on the planet).

Finally can the activity you have in Congo be ‘exported’, taking into account the differences, to other contexts?

CBI partners with both local communities and the African scientific community. The concept for CBI was developed more than three decades ago with initial research and community projects. CBI’s establishment was seeded by a $5M, five-year NSF Partnerships for International Research and Education (PIRE) grant.  The project created a framework for conserving biodiversity under climate change in Cameroon and Gabon. The grant involved 40 collaborating scientists from 25 international and African universities and NGOs.  PIRE program promoted education, training, capacity building and community science through multiple professional development workshops and field courses per year with American and African students.  We held four workshops targeting conservation decision makers from government ministries and NGOs to communicate our research results to ensure they would be used to influence policy.

CBI continues to engage African scientists, from undergraduates to senior professors, to provide comprehensive networking, professional development, and technical support as well as capacity building.  CBI has provided scientific training to over 700 African scientists through courses and workshops.  We pair researchers with African students and PIs to collaborate on research projects.  CBI has awarded almost $700,000 in small research grants to promising young African scholars.  All of the over 100 recipients reported that they improved their skills as a result of the grant, and 98% reported it helped advance their careers.

Currently, ten communities in southern Cameroon partner with CBI on The Ebony Project, which protects an iconic vulnerable species, reforests degraded land, addresses local food security issues, and improves rural livelihoods.  The partnership has planted over 17,000 native trees, including locally valuable fruit and medicinal trees that community members select.  Communities help collect source materials, grow, and plant trees, while CBI provides materials and training, and improves growing methods through our targeted research efforts.  At the communities’ request, the project developed a tree-inventory booklet and is transitioning to digital record-keeping using smart phones to assist individual farmers in tracking the trees they plant, and strengthening their land tenure claims.

Moving forward, CBI is focused on financial sustainability, and sustainable engagement at two levels.  First, CBI’s big tent approach is encouraging more researchers to participate.  This generates more research and mitigates risk by ensuring that CBI’s work is supported by many grants from dozens of researchers.  CBI is also working to improve how we communicate our values and approach to potential new partners, and how we use our infrastructure to encourage equitable engagement with communities.  Second, CBI’s projects are expanding organically, with participating communities sparking interest in CBI’s engaged research in neighboring communities.  Financially, CBI has developed a three-pronged business model to ensure longevity, and have just had our most successful fundraising year to date, allowing us to expand the Ebony Project and the School for Indigenous and Local Knowledge.

Currently, CBI is exporting these approaches to other countries in the Congo Basin. In 2015, the year CBI was created worked in Cameroon, today we are working in eight counties, leveraging the lessons learned.

Ultimi articoli