sabato, Giugno 15, 2024

BIOTECNOLOGIE, SFIDA APERTA TRA CINA E OCCIDENTE

La biotecnologia è una delle più grandi industrie del mondo, con una quota di mercato globale stimata in oltre 1,37 trilioni di dollari nel 2022. I massicci investimenti trainati dalla pandemia di Covid-19 hanno contribuito a far crescere il mercato a un tasso annuo stimato di circa il 14%, portando il valore previsto del settore a 2,44 miliardi di dollari entro il 2028.

L’aggiornamento del Critical Technology Tracker di ASPI mostra l’intensa competizione tra Stati Uniti e Cina in questo settore che, insieme all’intelligenza artificiale, si prevede offrirà alcune delle tecnologie che cambieranno maggiormente la vita nei prossimi decenni.

L’aggiornamento del tracker aggiunge quattro nuove tecnologie: nuovi antibiotici e antivirali, sequenziamento e analisi del genoma e della genetica, ingegneria genetica e medicina nucleare e radioterapia. Si aggiungono a tre settori già presenti nel tracker: vaccini e contromisure mediche, biologia sintetica e produzione biologica.

Tra i quattro nuovi campi, gli Stati Uniti sono in testa alla ricerca ad alto impatto nell’ingegneria genetica e nella medicina nucleare e radioterapia, mentre la Cina è in testa nel sequenziamento e nell’analisi del genoma e della genetica e nei nuovi antibiotici e antivirali. Tra i settori biotecnologici già segnalati, la Cina è in testa nella produzione biologica e nella biologia sintetica, mentre gli Stati Uniti sono in testa nei vaccini e nelle contromisure mediche.

A differenza dei sensori avanzati, la ricerca ad alto impatto nelle biotecnologie è sufficientemente forte tra le nazioni affini, tanto che il vantaggio stabilito dalla Cina sarebbe superabile attraverso sforzi congiunti da parte degli Stati Uniti e dei partner, come ad esempio attraverso l’accordo AUKUS, o con la collaborazione di Giappone, Corea del Sud e nazioni europee

Leggi da ASPI The Strategist

Ultimi articoli