domenica, Luglio 21, 2024

Strategie/Con l’occhio dei migranti e dei rifugiati: città, sviluppo, tecnologia

The Science of Where Magazine incontra Lucy Earle, principal researcher del gruppo di ricerca sugli insediamenti umani presso l’ International Institute for Environment and Development | Linking local priorities and global challenges (iied.org). Dirige la ricerca e il policy engagement dell’Istituto sulle crisi urbane e sugli sfollamenti urbani forzati e guida uno studio triennale finanziato dall’UKAID che confronta il benessere e l’autosufficienza dei rifugiati nei campi e nelle aree urbane in quattro Paesi. Ha conseguito un dottorato di ricerca presso il Development Studies Institute (LSE) e una borsa di studio post-dottorato presso l’African Centre for Cities dell’Università di Cape Town. La sua ricerca di dottorato e post-dottorato si è concentrata sui temi di alloggi a basso reddito, cittadinanza e diritto alla città, e comprendeva lunghi periodi di lavoro sul campo a San Paolo (Brasile) e Maputo (Mozambico).

> English Version

Il tema della città è sempre più importante nel cambio di epoca che stiamo vivendo. La crescente urbanizzazione globale ci pone di fronte a concentrazioni urbane che comportano un grande potenziale e grandi rischi. In generale, qual è la tua opinione sul rapporto tra popolazioni indigene (cittadini dei Paesi ospitanti) e immigrati? In particolare, qual’è la tua esperienza di ricerca in aree sensibili del Sud del mondo?

I migranti costruiscono città, in alcuni casi letteralmente, com’è evidente oggi nei paesi del Medio Oriente, dove lavorano per progetti di costruzione su larga scala. In altri casi, apportano capacità, esperienza e conoscenza che contribuiscono alla diversità sociale e alle economie in crescita, ad esempio tramite i business che realizzano. Anche se migrazione e urbanizzazione sono sempre state intrecciate, il contributo dei migranti non è sempre riconosciuto. I politici di destra e i populisti spesso li usano come capri espiatori durante i periodi di crisi economiche strutturali o durante crisi finanziarie: ciò distoglie l’attenzione dalle debolezze o carenze autoctone e può portare a violenza xenofoba come si è visto, ad esempio, nelle città sudafricane, o all’aumento dei crimini d’odio nel Regno Unito. È interessante notare come atteggiamenti a livello nazionale o federale – nel Regno Unito, nell’America di Trump o nel Brasile di Bolsonaro – sono bilanciati dall’atteggiamento illuminato dei sindaci di grandi aree urbane e di altri leader locali che hanno accolto apertamente rifugiati e migranti. Molti si sono uniti a reti e alleanze globali per sostenere la migrazione e fornire protezione a coloro che sono stati sfollati con la forza a causa di guerre, disastri o cambiamenti climatici. È importante sottolineare che, mentre i governi europei hanno espresso allarme per il numero di persone che migrano dai paesi in via di sviluppo, la realtà è che la stragrande maggioranza delle persone sfollate a causa di conflitti e violenze si trasferisce nei Paesi vicini che potrebbero essere colpiti dallo stesso conflitto e/o avere alti livelli di povertà e che, di conseguenza, faranno fatica a fornire servizi di base ad altre popolazioni.

Un elemento decisivo è sicuramente quello, come si legge sulla tua pagina IIED, delle “intersezioni tra urbanizzazione, povertà urbana e crisi umanitarie”. Entra in gioco la complessità e abbiamo bisogno di un approccio non più lineare. Di certo la pandemia COVID-19 aggrava la situazione. Puoi darci esempi di “buone pratiche” riguardo alle “intersezioni” di cui sopra?

Nonostante molti anni di discussioni sul legame tra sviluppo e azione umanitaria, c’è ancora un grande divario tra agenzie e individui che operano in contesti di emergenza rispetto a coloro che lavorano su progetti di sviluppo. A volte questa divisione esiste tra i colleghi che lavorano nella stessa istituzione ed è rafforzata dai modi in cui i donatori classificano e incanalano i loro finanziamenti. Ciò crea numerosi problemi sul terreno. L’assistenza di emergenza viene spesso fornita molto tempo dopo la prima fase emergenziale di un disastro o di un evento di sfollamento e le misure messe in atto possono rendere estremamente difficile il passaggio a uno sviluppo sostenibile a lungo termine. Ciò è particolarmente critico nei contesti urbani, dove gli interventi umanitari a breve termine possono avere impatti negativi sull’ambiente costruito. Il devastante terremoto nella capitale haitiana Port-au-Prince nel 2010 ne è un chiaro esempio. Le agenzie che hanno risposto all’emergenza si sono concentrate sulla costruzione di rifugi temporanei e non sono riusciti a prendere atto di come la popolazione locale stesse ricostruendo le proprie case altrove, portando alla crescita di nuovi insediamenti informali e vulnerabili, come evidenziato da IIED nella ricerca realizzata in occasione del decimo anniversario del disastro, ‘Learning from community planning following the Haiti earthquake’.

Una delle ragioni del divario nell’approccio tra le due discipline risiede nella storia dell’assistenza umanitaria. Si è sviluppato in risposta a carestie, inondazioni e movimenti di profughi su larga scala che hanno avuto luogo in aree rurali spesso remote. Le risposte standard della costruzione di campi e la fornitura olistica di beni e servizi alle persone colpite hanno senso nelle regioni scarsamente popolate con poche infrastrutture. Ma partire da zero e creare sistemi paralleli non è appropriato in centri urbani complessi e densamente popolati dove esistono già sistemi e mercati per servire le loro popolazioni. Le agenzie umanitarie hanno riconosciuto i propri limiti, ma sono state lente nel riqualificare il proprio personale, reclutare esperti e, in modo critico, mostrare una leadership di pensiero. Pur se in maniera ancora limitata, le agenzie stanno cominciando a considerare i meriti di un “approccio territoriale” all’azione umanitaria nelle aree urbane. Piuttosto che indirizzare l’assistenza all’individuo o alla famiglia, questo approccio valuta i servizi disponibili in una particolare regione geografica, comune o città, e identifica gli ostacoli incontrati dagli sfollati e da altre persone a basso reddito per accedere a questi servizi. Questo tipo di approccio richiede sostegno e capacità di investimento a livello del fornitore di servizi o del sistema, generalmente combinati con un’assistenza mirata alle donne, ai bambini e agli uomini più vulnerabili.

L’ultima domanda riguarda il rapporto tra il fattore tecnologico e la città. Se le migrazioni influenzano la governance delle nostre città, rendendole sempre più transculturali, la tecnologia è l’altra dinamica che sta cambiando il mondo e che metterà le città in perenne metamorfosi. Qual è la tua opinione sul ruolo positivo delle nuove tecnologie nella tua ricerca e, inoltre, quali rischi vedi in un’innovazione che rischia di dominarci?

Ci sono stati alcuni  esperimenti interessanti (The IRC launches crowd-sourced reviews and ratings site for Syrian refugees in Lebanon | International Rescue Committee) che utilizzano app per telefoni cellulari per aiutare i rifugiati a individuare i fornitori di servizi, per registrare le loro esperienze con questi e valutarli per altri utenti. WhatsApp e altri canali consentono agli sfollati di connettersi con i membri della famiglia e di trovare lavoro e mezzi di sussistenza. Inoltre, il maggiore accesso agli smartphone in tutto il mondo fornisce strumenti che le persone possono utilizzare per registrare le sfide che affrontano nella vita di tutti i giorni e diffondere le loro storie a un pubblico globale. Tuttavia, è anche necessario essere cauti. Molti sfollati cercano rifugio in una città perché non vogliono essere visibili alle autorità, temendo persecuzioni, molestie o la prospettiva di un rimpatrio forzato. Potrebbero non voler parlare delle loro esperienze o avere poca fiducia che i governi ospitanti prenderanno provvedimenti per aiutarli. Ma è importante ricordare che i gruppi più poveri ed emarginati non avranno accesso a un telefono cellulare né potranno pagare per il tempo di trasmissione. Le donne e le ragazze potrebbero non avere lo stesso accesso a un telefono o a Internet rispetto ai membri maschi della famiglia. Mentre la tecnologia può essere uno strumento di eguaglianza, una scarsa alfabetizzazione può limitarne i benefici.

Ultimi articoli