mercoledì, Agosto 10, 2022

GUERRA “IBRIDA” ALLE PORTE D’EUROPA

Rispetto alla crisi russo-ucraina è molto difficile immaginare scenari. La situazione è in perenne evoluzione.

A ben guardare, senza azzardare previsioni, il quadro appare fosco. Gli interessi rispetto alla Russia sono ben diversificati nella parte occidentale del mondo (tra Stati Uniti ed Europa e tra i Paesi europei) e la partita delle sanzioni rischia di costituire un boomerang pericoloso per i diversi “interessi nazionali”.

Propagande si scontrano e, per il cittadino comune, capire è impresa non da poco. Ciò che appare chiaro è che Putin vorrebbe fare delle sue nostalgie per un passato imperiale la strategia per passare alla storia. Irrealistico, verrebbe da dire, in un mondo come l’attuale.

Abbiamo, con un rapido giro d’orizzonte, un leader americano molto debole e una Europa divisa e fortemente dipendente dalla Russia. Putin insiste nel dire, e nel far dire, che non vuole una guerra totale ma che gli interessa ottenere ciò che ritiene essere storicamente suo. Si ha notizia di bombardamenti in corso. What’s next ?

The Science of Where Magazine segue, attraverso il diario geostrategico e altre iniziative, l’evoluzione della crisi alle porte dell’Europa. Con sguardo complesso, cerchiamo di seguire anche i movimenti dei player globali coinvolti (non solo USA, Europa ma anche Cina e Turchia e, naturalmente, la NATO).

Se la guerra è già in corso, come alcuni analisti notano, va capito di quale guerra stiamo parlando: certamente “ibrida” e in questa contano moltissimo la disinformazione e il dominio cyber. Il problema va reso evidente e discusso, senza esasperazioni ma con grande realismo.

 

INTER-IN-DIPENDENZA E AUTONOMIA STRATEGICA

Il think tank CSIS pone un tema di grande rilevanza e interesse strategico: The adoption of the CHIPS and Science Act is a watershed in U.S. economic...

US ARMY: UNIRE LE FORZE

Per diversi mesi, l'esercito americano ha silenziosamente sperimentato come collegare più strettamente sul campo di battaglia il comando per le operazioni speciali, il comando...

SENSORI “NON TRADIZIONALI” PER SPACECOM

Space Command sta integrando sensori "non tradizionali", originariamente costruiti per tracciare e puntare missili balistici, nella sua rete per tenere sotto controllo satelliti e...

PARTNERSHIP TRA ISRAELE E MAROCCO PER LA SICUREZZA REGIONALE

Il mese scorso, l'U.S. Africa Command ha ospitato la sua principale esercitazione multilaterale, African Lion 22, che ha coinvolto 7.500 forze della coalizione provenienti...

EU CHIPS ACT. L’EUROPA E L’INDIPENDENZA TECNOLOGICA

Tra le crescenti tensioni geopolitiche e le sfide poste dall'innovazione dirompente, i responsabili politici europei stanno cercando modi per rafforzare l'autonomia strategica del continente,...

LA SFIDA DI TAIWAN

Gli analisti militari utilizzano spesso la modellazione per prevedere risultati specifici in guerra, inclusi vincitori e vinti, vittime, guadagni o perdite territoriali e durata...

Ultimi articoli